ZooSafari di Fasano e dintorni: cosa vedere in 48 ore

Scopriamo la Puglia meno turistica con un breve itinerario nei pressi dello ZooSafari di Fasano, grande attrazione per tutta la famiglia

Zoosafari di Fasano

In Puglia, una delle attrazioni più divertenti per grandi e piccini è senza dubbio lo ZooSafari di Fasano: situato a poca distanza dalla cittadina, è un grande complesso turistico che comprende un giardino zoologico e un parco divertimenti. Quest’ultimo conta tante giostre, tra le più tranquille, perfette per le famiglie, e quelle “estreme”, adatte solo ai più coraggiosi.

Il parco faunistico, uno dei più grandi d’Europa (e quello più grande d’Italia) offre una vasta gamma di esperienze. Dal safari alla scoperta degli animali asiatici e africani, come le tigri, gli elefanti e le antilopi, al delfinario con splendidi pinguini, leoni marini e otarie: i più piccini rimarranno estasiati davanti a tanta bellezza. Per loro sarà una grande opportunità per imparare qualcosa sul mondo animale divertendosi.

Se avete intenzione di trascorrere un weekend fuori porta allo ZooSafari di Fasano, perché non concedervi una bella visita nei dintorni? Dopo aver trascorso una bella giornata tra gli animali e le attrazioni mozzafiato del parco divertimenti, esplorate alcune delle meraviglie che si trovano a pochi passi da qui. Ci sono tante località meravigliose da scoprire e un paio di giorni saranno sufficienti per intraprendere un vero e proprio viaggio tra l’immenso patrimonio paesaggistico e culturale di una Puglia forse un po’ meno turistica, ma non certo meno ricca di sorprese.

Fasano

Giorno 1

A pochi chilometri dal mare e immersa nel verde, la cittadina di Fasano (nella foto sopra) vanta un centro storico che è davvero incantevole. Le sue viuzze strette e le casette intonacate di bianco, caratteristiche di molti paesini del sud, sono il luogo ideale dove concedersi una bella passeggiata e fare un vero tuffo indietro nel tempo.

Una delle tappe più suggestive è sicuramente Piazza Ciaia, cuore del nucleo più antico della città. Interamente rivestita di pietra calcarea bianca, sembra rifulgere sotto i raggi del sole. Anche le splendide architetture che vi si affacciano sono caratteristiche: il Palazzo Municipale, antico castello conosciuto anche con il nome di Palazzo del Balì, è un incantevole edificio neoclassico. La Chiesa di San Nicola è invece un gioiellino risalente alla fine del ‘500.

Visitare il centro storico di Fasano significa anche riscoprire le antiche radici di una popolazione rurale che ormai non esiste più. Vi sono molte testimonianze del suo passaggio, come per esempio il Museo della Casa alla Fasanese. Un tempo era un’abitazione vera e propria, conservatasi a meraviglia: oggi ospita gli oggetti e gli utensili tipici dell’epoca, e varcare la sua soglia è un viaggio nel passato.

Un’ultima tappa prima di lasciare la città è il Parco della Rimembranza. Deliziosa area verde, accoglie il Monumento ai Caduti eretto in onore dei 251 soldati fasanesi che persero la vita durante la Prima Guerra Mondiale.

A pochissima distanza dalla città, c’è un incantevole parco rupestre da non lasciarsi assolutamente sfuggire. L’insediamento di Lama d’Antico (nella foto in basso) è uno dei più estesi della Puglia e vi si trovano tracce del passaggio dell’uomo risalenti al Neolitico. Il villaggio rupestre, sviluppatosi all’interno dell’alveo di un antico fiume, è letteralmente scavato nella roccia calcarea. Decine di grotte si addentrano lungo le pareti della forra, una delle quali ospita la splendida chiesa rupestre con i suoi preziosi affreschi. Qui è un po’ come immaginarsi nel Medioevo, un luogo meraviglioso dove si respira un’atmosfera intrisa di storia.

Cosa non perdere:

  • il centro storico di Fasano;
  • il Museo della Casa alla Fasanese;
  • l’insediamento rurale di Lama d’Antico.

Lama d'Antico

Giorno 2

Un altro viaggio nel tempo è quello che vi condurrà al Parco Archeologico di Egnazia, che conserva ciò che rimane di un’antica città messapica posta a due passi dal mare, dove si trova anche una tra le spiagge più belle e meno conosciute della Puglia.

Vi si possono ammirare i resti di architetture davvero notevoli come l’anfiteatro e il tempietto di Cibele, ma anche edifici più “moderni” come due splendide basiliche risalenti al periodo compreso tra il V e il VII secolo d.C.

Appena fuori dalle mura della città è stata rinvenuta una grande necropoli, con decine di tombe messapiche scavate nella pietra, molte delle quali presentano interessanti decorazioni pittoriche che rivelano alcuni dettagli sulla cultura di quell’epoca.

A poca distanza dalle mura c’è anche l’interessante Museo Archeologico di Egnazia. Al suo interno vi sono diverse collezioni, tra cui quella che custodisce i reperti rinvenuti durante gli scavi nel terreno del sito archeologico.

In estate, se il tempo lo permette, non perdete l’occasione per concedervi un po’ di divertimento e di relax nel vicinissimo acquapark, il più grande del sud Italia. Tra scivoli mozzafiato e aree dedicate ai più piccini, questo è il luogo ideale dove trascorrere un pomeriggio in maniera spensierata.

Durante la stagione fredda, invece, potrete godere dell’incredibile fascino del mare d’inverno. Il litorale offre un lungo tratto dove la natura selvaggia è incontaminata: si tratta del Parco Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo (nella foto in basso), una vasta distesa di sabbia ricoperta di macchia mediterranea e lambita da acque cristalline. Qui potrete ammirare un panorama mozzafiato e scoprire le meraviglie della fauna locale, tra cui molti uccelli migratori.

La frazione di Torre Canne è un piccolo villaggio affacciato sulla costa adriatica ed è il luogo migliore dove concedersi un aperitivo lungo mare. Ci sono anche molti ristoranti per un’ottima cena a base di pesce fresco e di buon vino, un’occasione da non lasciarsi assolutamente sfuggire.

Dalla primavera all’inizio dell’autunno, inoltre, molti turisti arrivano qui per gli stabilimenti termali di Torre Canne. Le sue acque ipotermali sono ricche di sali minerali, un vero toccasana per molti piccoli disturbi di salute. Inoltre è possibile fare fangoterapia e balnoterapia, per godere di tutti i benefici di questi trattamenti.

Cosa non perdere:

  • il Parco Archeologico di Egnazia;
  • l’acquapark di Egnazia;
  • il Parco Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo;
  • Torre Canne e i suoi locali;
  • le terme di Torre Canne.

Torre Canne