Villa Litta tra mito e realtà. Un luogo unico

Il complesso fu Ideato dal Conte Pirro I Visconti Borromeo nella seconda metà del Sedicesimo secolo

villa borromeo visconti littaLuogo affascinante di storia e cultura, Villa Borromeo Visconti Litta è anche un luogo d’arte incantevole che lascia senza fiato i visitatori che ogni anno rimangono estasiati dalla bellezza dei giochi d’acqua delle fontane, delle statue, degli affreschi e dei mosaici, questi ultimi realizzati da Camillo Procaccini. Ideato dal Conte Pirro I Visconti Borromeo nella seconda metà del Sedicesimo secolo, il complesso architettonico si ispira alle ville medicee toscane ma il luogo è stato reso unico grazie agli architetti, scultori e pittori che con la loro maestria ne hanno fatto un vero capolavoro. Fantastico il Palazzo delle Acque, noto come Ninfeo, luogo di grande suggestione per i ricchi decori e lo spettacolo idraulico funzionante ancora oggi alla perfezione. La dimora fu per molto tempo definita “villa di delizia” ed era la cornice ideale per feste e ricevimenti, ma anche luogo perfetto per ospitare scrittori e sovrani di passaggio per Milano.

Il grande giardino di Villa Litta

Il giardino, che occupa circa tre ettari di questa porzione di territorio di Lainate, in origine era probabilmente suddiviso in quattro scomparti verdi separati da piante di agrumi in vaso. Nel giardino sono collocate le fontane di Galatea e di Nettuno, il gruppo scultoreo in cotto del “Ratto delle Sabine o di Proserpina”, ma nel tempo è stato soggetto ad ampliamento e a restauro, come ad esempio è stato fatto nel 2015 con le due Serre in ferro e vetro in Stile Liberty. Parco Villa Litta nel 2016 è stato eletto il parco più bello d’Italia.

Pubblica un commento