Dietro la fondazione di Venezia c'è una "bugia" lunga 1600 anni

La città di Venezia non è in realtà nata il 25 marzo dell’anno 421 ma la sua fondazione sarebbe molto più incerta e da ricondurre all'invasione di Attila

Nascita di Venezia

Secondo la tradizione che molti conoscono, Venezia sarebbe nata il 25 marzo dell’anno 421 e quest’anno, quindi, la città dovrebbe festeggiare i 1600 anni dalla sua fondazione. Tuttavia pare questa sia solo una leggenda e che le origini di Venezia non siamo molto chiare.

Le origini di Venezia tra storia e leggenda

La nascita della città, però, risale al 25 marzo 421 quando fu posta la prima pietra per costruire la Chiesa di San Giacometto (o San Giacometo). Sembra che il primo insediamento a Venezia sia avvenuto in un’isola della laguna che si presentava alla popolazione del tempo un po’ più alta delle altre e che proprio per questo era nota come Rivus Altus, termine da cui poi è derivato il nome Rialto.

Tuttavia lo storico Giorgio Ravegnani che è uno studioso del mondo bizantino ed è stato anche docente all’Università Ca’ Foscari denuncia come la data del 25 marzo sia solo un mito che nasce da una leggenda medioevale.

Purtroppo la fondazione di Venezia non si può ricondurre ad una data storica precisa e sono due le visioni che riguardano la fondazione della città. La prima ipotesi, ancora molto marginale, deriva dall’idea di fondazione da parte di profughi troiani, mentre la seconda vede Venezia nascere con l’invasione di Attila. Infatti, quando gli Unni distrussero diverse città del nord est, come Padova, Oderzo e Aquileia, molte persone decisero di lasciare le zone dell’entroterra e di stanziarsi intorno al Rivo Alto, oggi Rialto, e a Torcello.

In realtà la formazione di Venezia deriva da un processo evolutivo caratterizzato da flussi migratori lenti che hanno consentito uno sviluppo graduale della città. Parlare di fondazione per quanto riguarda la città di Venezia sembra dunque sbagliato dato che questa è una località nata su una laguna secondo un processo tanto unico quanto raro.

La storia della città veneta è poi fortemente legata a quella di Costantinopoli che è stata a lungo la capitale dell’Impero. I Dogi venivano scelti dalla corte di Bisanzio e molte volte sposavano anche donne bizantine. Venezia ottenne, però, un enorme riconoscimento all’inizio dell’XI secolo quando l’imperatore concesse alla città di non pagare imposte sui propri commerci e da lì i suoi traffici ebbero un enorme crescita.

La nascita di Venezia non è quindi ben definibile e la sua storia è caratterizzata da un continuo divenire che nei secoli ha permesso alla città di diventare quella bellissima perla che tutto il mondo oggi ci invidia.