Raffaello Virtual Tour, 22 opere del Genio di Urbino anche in Lis

Il museo virtuale dedicato a Raffaello Sanzio propone contenuti di approfondimento pensati anche i bambini e con la Lingua dei Segni

In occasione dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio, Skylab Studios ha deciso di realizzare un museo virtuale, visitabile da casa, con contenuti di approfondimento pensati anche i bambini e con la Lingua dei Segni. La mostra ha aperto ufficialmente il 6 aprile 2020, giorno della nascita e morte (a causa di un’epidemia) del “Genio” di Urbino.

Raphaello VR è un omaggio a Raffaello Sanzio, realizzato grazie alla collaborazione di una cinquantina di persone tra modellatori 3D, animatori, doppiatori, project manager, art director, grafici, web designer, esperti di marketing, innovatori social ed esperti di arte.

In questo modo ha preso vita Raffaello in Realtà Virtuale, un percorso aperto a tutti, gratuito, che custodisce 22 delle principali opere di Raffaello Sanzio. Ogni quadro ha informazioni, audioguide e approfondimenti curati e illustrati dal professor Vittorio Maria De Bonis, critico d’arte televisivo, che conduce i visitatori alla scoperta di un Raffaello inedito.

Grazie a una particolare tecnica chiamata morphing, alcuni personaggi dei quadri di Raffaello si trasformano anche in cartoni animati, disegnati da Alessandro Ranghiasci e animati da Silvia Amantini.

Il museo virtuale prevede, inoltre, delle videoguide LIS, che consentono ai non udenti di fruire degli approfondimenti delle opere. Le musiche di sottofondo al museo sono composte dal maestro Marco Guidolotti.