La Notte della Taranta si arrende al Coronavirus: l'annuncio

Annullate le tappe del festival itinerante della Notte della Taranta nei 19 comuni del Salento. Il Coronavirus cambia anche il Concertone di Melpignano

La Notte della Taranta si arrende al Coronavirus: come sarà

Il festival itinerante della Notte della Taranta non si farà. Dopo aver annunciato il ritorno dell’evento più atteso dell’estate salentina, in programma dall’1 al 28 agosto, la Fondazione che ne cura l’organizzazione ha comunicato il dietrofront, arrendendosi al Coronavirus, che però non ha fermato del tutto la musica,

“Il consiglio di amministrazione della Fondazione La Notte della Taranta, riunitosi in seduta straordinaria unitamente ai sindaci della Grecìa Salentina, ha deciso di annullare in via preventiva le tappe del Festival Itinerante nei 19 comuni del Salento”, si legge sulla pagina Facebook dell’evento.

Si farà, invece, il Concertone di Melpignano, che tuttavia si svolgerà a porte chiuse il 22 agosto. L’evento finale di quello che è considerato il più importante Festival di musica popolare d’Europa verrà poi trasmesso su Rai 2 il 28 agosto, alle 22.45, onde evitare il rischio di assembramenti.

“Una decisione difficile e sofferta per chi, come la Fondazione, in questi mesi di emergenza Covid non si è mai fermata ed ha programmato un Festival di grande valore culturale, in estrema sicurezza e ricco di appuntamenti come ogni anno”, hanno commentato gli organizzatori sui social.

“Questa decisione va incontro alla sensibilità dei Cittadini e dei Sindaci della Grecìa Salentina – ha aggiunto la Fondazione – Si ringraziano gli artisti, i tecnici, i lavoratori dello spettacolo e il pubblico de La Notte della Taranta per la pazienza e l’affetto dimostrati anche in queste ultime ore, con la certezza di tornare nel 2021 a condividere insieme la bellezza della musica, del Salento e della Puglia. Vi amiamo come sempre e oggi ancora di più”.

La XXIII edizione del Festival Itinerante sarebbe dovuta partire il primo agosto da Corigliano d’Otranto con l’esibizione di Tosca. Ma davanti alla preoccupazione per i nuovi casi di Coronavirus e nel timore di una nuova ondata di contagi, è parsa inevitabile la decisione di annullare le tappe della Notte della Taranta nei 19 comuni del Salento, dove una tartaruga Caretta Caretta ha depositato le uova in spiaggia.

La notizia di un dietrofront della Fondazione era già nell’aria dopo l’annullamento della tappa di Carpignano Salentino, dove nei giorni scorsi quattro persone sono risultate positive al Covid-19.

Una decisione comunicata sulla pagina Facebook ufficiale del Comune: “In attesa che il quadro epidemiologico sia definitivamente chiarito e che si ritorni in una condizione di assoluta tranquillità come lo era fino a pochi giorni fa, nel rispetto delle norme di prudenza e nell’interesse a garantire la più assoluta sicurezza dei nostri concittadini e degli ospiti, l’amministrazione ha ritenuto di annullare la tappa e ha comunicato tale decisione alla Fondazione”.

Il Coronavirus non ha, invece, fermato gli eventi all’Arena di Verona, dove si terrà il primo concertone in diretta live streaming a pagamento.