Questo sito contribuisce all’audience di


A Milano arriva un voucher per sterilizzare cani e gatti

Un voucher per sterilizzare cani e gatti a spese del Comune per chi rientra in un determinato reddito ISEE: priorità alle richieste per cani “speciali”

A Milano il voucher per sterilizzare cani e gatti: come funziona

Prende il via a Milano un importante progetto per la sterilizzazione gratuita di cani e gatti: la lotta a fenomeni drammatici come abbandono e randagismo è parte importante di una strategia concreta a tutela del benessere animale. Perciò il Comune di Milano, in collaborazione con l’ATS – Agenzia di Tutela Salute, mette a disposizione dei voucher per la sterilizzazione gratuita di cani e gatti.

Il contributo, disponibile fino a esaurimento dei fondi, è destinato ai cittadini residenti che rientrano in un preciso reddito ISEE, e permetterà di risparmiare tra i 75 e i 220 euro per ogni intervento.

Milano, voucher per sterilizzare cani e gatti

Il Comune di Milano mette a disposizione dei cittadini dei voucher per la sterilizzazione di cani e gatti domestici: grazie al contributo, ogni cittadino coinvolto nel progetto potrà beneficiare di un risparmio compreso tra i 75 e i 220 euro. I costi dell’intervento di sterilizzazione saranno infatti “a totale carico dell’ente pubblico”, come ha spiegato l’assessora all’Ambiente e Verde Elena Grandi.

Il contributo è destinato ai proprietari di animali con reddito ISEE non superiore ai 6.500 euro e sarà disponibile fino al 20 novembre 2023, fino a esaurimento dei fondi. Per accedere al voucher per la sterilizzazione, è necessario che l’animale per cui si fa richiesta sia chippato e iscritto in anagrafe degli animali di affezione.

“La sterilizzazione chirurgica costituisce l’unico vero strumento efficace nelle strategie di controllo demografico per cani e gatti e consente di prevenire gli abbandoni delle cucciolate”, spiega l’assessora Grandi, “inoltre è un mezzo per tutelare la salute degli animali che vivono in situazioni borderline determinate dalla fragilità economica dei loro proprietari”.

Un sostegno che punta a tutelare la salute e il benessere degli animali, a partire da quelli che vivono in contesti di fragilità, ben lontani dalle ciotole di design in cui viene servito il menu gourmet per cani del Crazy Pizza di Briatore.  Ad avere la priorità saranno anche le richieste di sterilizzazione per cani appartenenti alle 27 razze “speciali” (e incroci) elencate nel Regolamento Tutela Animali del Comune.

Priorità ai cani “speciali”: quali sono

I cani “speciali” hanno la priorità in materia di sterilizzazione gratuita: come spiega l’assessora all’Ambiente, si tratta di una scelta che intende “porre un argine agli allevamenti abusivi che spesso sono la causa dell’aumento esponenziale di queste razze all’interno del parco canile comunale”.

A Milano, dove c’è anche una ludoteca specializzata per cani e umani, esiste infatti una lista ufficiale dei cani “speciali”, quelli cioè considerati pericolosi e di complessa gestione, che si trova all’interno del Regolamento Tutela Animali adottato dal Comune nel 2020 – pochi mesi dopo l’avvio dell’esperimento dei cani senza guinzaglio in città.

Si tratta di 27 razze canine che “hanno qualità particolari, quanto a indole, conformazione fisica, potenza muscolare e di morso”, come spiegarono Paola Fossati e Gustavo Gandini, Garanti degli animali del Comune, in sede di approvazione del nuovo Regolamento.

I proprietari di un cane “speciale”, a Milano, sono tenuti a seguire un corso di formazione teorico-pratico e ottenere il cosiddetto “patentino cane speciale”. Ciò vale per i possessori dei molossoidi di grossa taglia e in particolare di esemplari delle seguenti razze, o incroci: American bulldog, Pastore dell’Anatolia, Pastore di Charplanina, Pastore dell’Asia centrale, Pastore del Caucaso, Pastore Maremmano Abruzzese, Cane da Serra da Estreilla, Dogo argentino, Fila brazileiro, Perro da canapo majoero, Perro da presa canario, Perro da presa Mallorquin, Pit bull, Rafeiro do alentejo, Rottweiler, Rhodesian ridgeback, Tosa inu, American Staffordshire, Bandog, Bull terrier, Boerboel, cane Corso, cane lupo Cecoslovacco, cane lupo di Saarloos e cane lupo italiano.

Per richiedere il proprio voucher per la sterilizzazione, è sufficiente inviare un’email agli uffici dell’Unità Tutela Animali del Comune di Milano all’indirizzo m.ufficiotutelaanimali@comune.milano.it o contattare telefonicamente l’Ente: se in possesso dei requisiti, una volta ottenuto il voucher, è sufficiente presentarlo a una delle cliniche veterinarie convenzionate con ATS.