Milano, tutti fuori per il Fuorisalone 2016: in giro per design

Più del Salone del Mobile, potè il Fuorisalone: nato come evento collaterale, oggi la kermesse diffusa è invece l'Evento milanese con la E maiuscola

fuori salone milano

Il design evade dai padiglioni della Fiera di Rho-Pero per animare come nient’altro la città per cinque giorni. Aperitivi, performance, installazioni, feste, presentazioni invadono le agende e il tessuto urbano.

Fino al 19 aprile vanno in scena più di 1.200 eventi dislocati per tutta Milano: impossibile seguirli tutti – anche se i più mondani sembrano provarci sul serio – meglio lasciarsi guidare dal gusto e dall’istinto curiosando nei cortili, negli show room e negli spazi polifunzionali.

Basta andare nelle zone “giuste” – i distretti del design, ma non solo – e seguire la fiumana di appassionati, creativi e festaioli che entrano ed escono (possibilmente con un bicchiere e uno stuzzichino in mano) dalle varie location. Ecco alcuni percorsi suggeriti da Fuorisalone.

Brera Design District

Il distretto milanese, cuore creativo e commerciale della città, si estende dai Bastioni di Porta Nuova a via Broletto, da via Legnano fino a via Montenapoleone, ospita un fitto calendario di eventi e propone un format che comprende: un tema, il premio “Lezioni di design”, una serie una serie di incontri, progetti speciali e iniziative culturali.

Tante le collettive straniere che hanno scelto questa zona. La notte bianca del quartiere, la Brera Design Night è venerdì 17 aprile con l’apertura prolungata degli showroom e una serie di eventi speciali che animeranno il distretto.

Cordusio – Sant’Ambrogio

5Vie art + design: le 5Vie sono il cuore storico della città di Milano e sono via Santa Marta, via Santa Maria Podone, via Santa Maria Fulcorina, via Bocchetto e via del Bollo. In un percorso che coinvolge negozi, monumenti artistici, reperti archeologici e cortili di palazzi storici, 5Vie offre un programma mirato a valorizzare l’eccezionalità dei luoghi culturali accentrando le realtà creative del mondo del design.

Tortona

Design Center Ex Ansaldo: tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:00; Coworking con 50 postazioni, micro-eventi di food experience, bookshop, conference room per partecipare o proporre presentazioni, talk e workshop.

Il punto di riferimento per raccogliere tutte le informazione sugli eventi, appuntamenti ed esposizioni della design week milanese è l’Infopoint, mentre è possibile aggiornarsi, ricaricarsi in tempo reale all’Isola Tech. Per rilassarsi c’è l’Area Relax, un’oasi di decompressione nella settimana più caotica dell’anno. Ogni sera eventi musicali.

Tortona Design Week: i più affascinanti spazi ex industriali che popolano la zona. Protagonisti: i più importanti brand del design italiano e internazionale, insieme a progettisti di fama, giovani talenti, incubatori che ne fanno da sempre una destinazione attesa e visitata da migliaia di persone.

Superstudio Più: in mostra al Superstudio Più su 10.000 mq di spazi espositivi, la più interessante produzione italiana e internazionale, ma anche progetti e proposte lifestyle che hanno il design come punto di partenza, per ipotizzare il presente e il futuro delle nostre case, dei luoghi del lavoro e della conoscenza, dell’habitat urbano, delle nostre vite… Da segnalare il nuovo progetto Ki.D.S. dedicato al mondo del bambino, una inedita esposizione che copre l’arredo, l’oggettistica, l’editoria, il gioco, l’arte e altro ancora.

All’interno di Ki.D.S., unduetrestella design week, evento di successo che ricostruisce un intero appartamento dove i piccoli sono re.

Sant’Ambrogio

Zona Santambrogio è il nuovo distretto culturale della Milano Design Week 2015. Designer emergenti a DOUTDESign2015 – e i piatti da tutta Italia con Eat Urban – Food Truck Festival. In più la possibilità di scoprire questo angolo di città con un calendario di tour guidati alla scoperta delle bellezze del quartiere, fra storia, arte, shopping e design.

Porta Venezia

Porta Venezia In Design: è il circuito fuori salone di Milano che unisce design e arte all’architettura Liberty – di cui è particolarmente ricca questa zona della città (imperdibili i tour a tema, gratuiti e su prenotazione, organizzati in collaborazione con FAI-Fondo Ambiente Italiano) – oltre al percorso food&wine.

Tematica, quest’anno, ancor più di attualità in occasione di Expo, che trova spazio in alcuni selezionati locali e ristoranti, con la creazione di menu ideati per il fuori salone, ma che ospitano anche mostre di arte e contenuti legati al food-design.

San Gregorio Docet è il nuovo distretto del Fuorisalone milanese fortemente e si sviluppa intorno a Via San Gregorio, tra Porta Venezia e la Stazione Centrale.

San Babila

San Babila Design Quarter: il debutto di un nuovo distretto del design proprio nel cuore della città. Qui moda e design vanno a braccetto, immancabile il tour tra gli showroom.

Lambrate

Ventura Lambrate: un distretto industriale del nordest di Milano si trasforma per l’occasione in un design hub, un palcoscenico per studi, creative, label e student di tutto il mondo. I visitatori potranno godere di installazioni in ex spazi industriali così come di esposizioni all’interno di intime gallerie, rilassandosi qua e là in uno dei ristoranti e caffè “pop up” della zona.

Paolo Sarpi

Sarpi Bridge: un progetto che mira a creare un ponte tra Oriente e Occidente, tra città e città, proponendo progettazione, ricerca e creatività. Il quartiere che ha dato vita al “bridge” è Sarpi, un quartiere storico di Milano di grande fascino ma Oriental Design Week è dinamica, sempre in movimento.

Sarpi Bridge_Oriental Design Week propone nel 2015 una speciale edizione “Make a bridge moving in the 5VIE” in collaborazione con 5Vie, il distretto che ospiterà alcune opere di giovani designer orientali.