Lago di Como, piante in adozione per salvare Villa Carlotta

Villa Carlotta, sul Lago di Como, offre in adozione per un anno le piante del suo giardino botanico, per superare le gravi perdite causate dal lockdown

 

Lago di Como, piante in adozione per salvare Villa Carlotta

A Villa Carlotta, sul Lago di Como, si può adottare una pianta per salvare la bellezza. Celebre per il vasto giardino botanico che la circonda, oltre che per le raccolte d’arte conservate al suo interno, la storica Villa avrebbe dovuto riaprire al pubblico con l’arrivo della primavera.

L’emergenza Coronavirus ha, però, fatto slittare la riapertura di due mesi, con l’avvio della Fase 2 che ha dettato nuove regole per i musei e le istituzioni culturali.

Durante il lockdown non si sono mai fermati i lavori di manutenzione nello splendido giardino monumentale e Villa Carlotta è riuscita a regalare lo spettacolo delle fioriture ai suoi visitatori, sebbene solo in modalità virtuale.

Tuttavia, il ritardo sull’avvio della stagione ha costituto una grave perdita per l’istituzione, che riesce a mantenere e curare i tesori di museo e parco unicamente grazie alla vendita dei biglietti d’ingresso al pubblico.

Per questo motivo, l’ente di gestione ha pensato di chiamare a raccolta tutti gli amici e sostenitori di Villa Carlotta con l’iniziativa “Adotta una pianta, salva la Bellezza”, volta a supportare questo immenso patrimonio storico-artistico e botanico.

Grazie ai collaboratori e alla consulenza di un esperto fito-patologo, sono state classificate quasi 300 piante del parco, a ognuna è stato attribuito un valore simbolico e chi lo desidera può “adottarle”.

Lunghissimo e vario l’elenco di alberi e cespugli, dall’imponente glicine secolare alle magnolie, dai cedri e rododendri alle sequoie, fino al bersò con le azalee con vista mozzafiato su Bellagio e all’aiuola topiaria della fontana, davanti al cancello principale.

Per un anno a partire dalla donazione, l’albero o la pianta di cui il donatore si prenderà virtualmente cura sarà a lui intitolato e gli verranno riconosciuti alcuni benefit rispetto all’aiuto offerto.

Il 5% di ogni donazione di qualunque importo (100, 250, 500, 1.000, 5.000 euro) confluirà in un fondo destinato ad azzerare il costo del biglietto d’ingresso per bambini con difficoltà economiche.

Situata nel comune di Tremezzina, sulle rive del Lago di Como, dove è stato pescato un enorme pesce siluro, Villa Carlotta accoglie da anni centinaia di migliaia di visitatori da tutto il mondo.

Con l’iniziativa “Adotta una pianta, salva la Bellezza” l’auspicio dell’ente è quello di sensibilizzare chi negli anni scorsi ha goduto dei suoi capolavori naturali, ma anche chi non ha avuto ancora l’occasione di farlo e approfitterà di un’estate tutta italiana per programmare un tour del Lago di Como.