Italiani all'estero: da quali Regioni partono di più

Il numero degli italiani che decidono di lasciare il nostro Paese per trasferirsi all'estero è in aumento: ecco da quali regioni emigrano di più

Italiani all'estero: da dove partono

L’Istat ha pubblicato il nuovo report “Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche della popolazione residente” che fotografa la situazione riguardante gli italiani che emigrano all’estero.

Dai dati raccolti dall’Istat, riferiti al 2019, emerge che sono tanti gli italiani che scelgono di lasciare il Paese per trasferirsi all’estero in cerca di un futuro migliore. Il volume complessivo delle cancellazioni anagrafiche per l’estero ha raggiunto quota 180 mila unità, per un aumento del 14,4% rispetto all’anno precedente.

Le regioni italiane da dove partono più emigranti

La regione da cui emigrano più italiani è la Lombardia dove il numero di cancellazioni anagrafiche per l’estero è pari a 23 mila. Seguono la Sicilia e la Campania, con 12 mila, e il Lazio, con 9 mila. Il tasso migratorio più elevato rispetto alla popolazione residente, invece, si ha in Trentino Alto Adige dove sono emigrati 4 italiani ogni mille residenti.

In Calabria, in Friuli-Venezia Giulia, nelle Marche, in Veneto, in Sicilia, in Molise, in Lombardia e in Abruzzo la propensione a emigrare è pari a circa 3 italiani per mille residenti. Le regioni d’Italia con il tasso migratorio per l’estero più basso, invece, sono la Toscana, la Liguria e Lazio, che presentano valori pari a circa 1,7 abitanti migrati all’estero ogni mille residenti.

L’effetto Brexit

Risulta molto particolare il caso relativo alla Gran Bretagna, dove l’effetto Brexit ha influito in maniera significativa sul flusso migratorio. Nel 2019 si è registrato il record di 31mila cancellazioni anagrafiche di residenti italiani migrati nel Regno Unito: un dato che ha superato il picco dei 25mila espatri del 2016, anno d’avvio del processo di risoluzione per l’uscita del Paese dall’Ue, concluso il 31 gennaio 2020.

Nel periodo di “transizione”, molti italiani già presenti da tempo in Gran Bretagna ma non ancora registrati abitualmente come dimoranti, hanno deciso di ufficializzare la loro posizione, trasferendo la residenza nel Regno Unito.

Il secondo Paese dove gli italiani emigrano di più dopo la Gran Bretagna è la Germania con poco meno di 19mila espatri. Terzo posto per la Francia con 13mila espatri, seguita dalla Svizzera con 10mila e dalla Spagna con 6mila. Tra i Paesi extra-europei, le principali mete di destinazione dei migranti italiani sono il Brasile, gli Stati Uniti, l’Australia e il Canada.