L’isola Gallinara venduta a un ricco ucraino per oltre 10 milioni

L'isola Gallinara, che si trova al largo di Albenga e Alassio nel mare della Liguria, è stata acquistata da un magnate ucraino per oltre 10 milioni di euro

L’isola Gallinara venduta a un ricco ucraino per oltre 10 milioni

La Gallinara, l’isola con l’iconica forma di tartaruga che si trova al largo di Albenga e Alassio, nel mare della Liguria, che vanta una 5 Vele nel 2020, sarebbe stata acquistata per oltre 10 milioni di euro dal magnate ucraino Olexandr Boguslayev, 42 anni.

L’isola, che era di proprietà della Chiesa fino al 1842 e che poi è stata successivamente venduta a privati, apparteneva a una Srl che riuniva 9 famiglie liguri e piemontesi. Lo scorso 17 giugno sarebbe avvenuto il passaggio di proprietà a una società di Montecarlo, collegata all’ucraino Boguslayev.

La Gallinara, oasi di verde lambita dal mar Ligure, si trova a circa 1,5 km dalla costa, dalla quale è separata da un canale profondo in media 12 metri. Attualmente, l’isola costituisce la Riserva naturale regionale dell’Isola di Gallinara. È sede di una delle più grandi colonie di nidificazione dei gabbiani reali nel mare della Liguria, regione celebrata da ‘Forbes’ a inizio 2020.

L’isola presenta due punti di immersione: il Cristo redentore o Punta Falconara (immersione fino a un massimo di 18 metri) e Punta Sciusciau (immersione dai 15 ai 30 metri).

Sulla Gallinara sono presenti, inoltre, due gallerie scavate da alcuni prigionieri di guerra all’epoca in cui l’isola fu occupata dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis ha assicurato sul fatto che non sono consentite speculazioni edilizie o di altra natura in riferimento all’isola Gallinara, considerato il suo status naturalistico. L’amministrazione comunale, inoltre, è disposta a collaborare al fine di valorizzare l’isola, sia per quanto riguarda la sua cura e manutenzione sia con l’obiettivo di renderla un’attrazione turistico-culturale, pur considerando i necessari limiti e le dovute restrizioni.

Sul cambio di proprietà dell’isola Gallinara si attende ora una comunicazione ufficiale della Sovraintendenza.