Carlo Cracco presenta la sua scuola per giovani chef a Milano

Il noto chef televisivo Carlo Cracco vuole aprire una scuola per giovani chef a Milano e ha presentato il progetto in Comune

Carlo Cracco presenta la sua scuola per giovani chef a Milano

Carlo Cracco, il noto chef televisivo conosciuto ai più per le sue apparizioni in ‘Masterchef Italia‘ ed ‘Hell’s Kitchen Italia‘, recentemente in tv su Raidue con la trasmissione ‘Nella mia cucina‘, vuole aprire una scuola di cucina in un palazzo comunale a Milano.

Il celebre chef, con l’associazione Maestro Martino da lui presieduta, ha presentato a Palazzo Marino un progetto per la gestione dell’area da destinare alla formazione professionale di aspiranti cuochi nella porzione di edificio di piazzale Cantore 10, a pochi passi da Porta Genova. Il Comune di Milano ha rimesso a bando lo spazio, dal momento che la prima volta non erano pervenute proposte.

La giunta comunale ha deliberato le linee di indirizzo per la nuova manifestazione di interesse pubblico per la concessione a uso educativo e formativo dell’edificio di piazzale Cantore 10: la porzione dell’immobile, grande 1.369 mq (l’area complessiva è di 3.318 mq), viene offerta per 200 mila euro annui di canone, ma il concessionario ha l’obbligo di provvedere al restauro degli spazi.

Le opere per la riqualificazione degli oltre 1.300 mq dell’edificio avranno un costo a carico del concessionario di almeno 2 milioni di euro, con la possibilità di scomputarli per i primi 4 anni dal canone di locazione.

Il primo bando per l’utilizzo ai fini formativi dello stabile di piazza Cantore, un anno fa, era andato deserto. Ora è arrivata la proposta firmata Carlo Cracco.

Il progetto dell’associazione Maestro Martino è ancora in fase di definizione. Se il Comune di Milano dovesse concedere lo spazio in piazzale Cantore 10, la scuola potrebbe nascere tra un paio d’anni, una volta terminati tutti i lavori di riqualificazione necessari.

L’associazione Maestro Martino è nata nel 2011 per promuovere la filiera agroalimentare lombarda attraverso la Cucina d’Autore. Il nome deriva da un cuoco lombardo del Quattrocento che lavorò alla corte degli Sforza e che fu il primo cuoco a scrivere un libro di cucina, il Libro de Arte Coquinaria, ritenuto un caposaldo della letteratura gastronomica italiana e internazionale.

Gli obiettivi primari dell’associazione Maestro Martino sono la promozione e la qualificazione dell’offerta enogastronomica territoriale, elevata a eccellenza culturale dell’Italia grazie anche all’istituzione di un’Accademia dedicata alla Cucina d’Autore, capace di attirare l’attenzione a livello nazionale e internazionale.