Questo sito contribuisce all’audience di

Virgilio InItalia

Corfù? No, Cala Mariolu: un post social scatena la polemica

Il post di una pagina dedicata alla Grecia ha scatenato le polemiche in Italia: la spiaggia della Sardegna Cala Mariolu è stata scambiata per Corfù

Cala Mariolu

Sta facendo molto discutere un post pubblicato su Instagram da una pagina dedicata alla Grecia in cui vengono mostrati alcuni pesci che nuotano nelle acque di un mare cristallino, con la didascalia che localizza l’immagine a Corfù. Come fatto notare da molti utenti italiani, in realtà quella foto è stata scattata in Italia e, più precisamente, a Cala Mariolu, in Sardegna. Quanto accaduto è stato commentato anche dall’account ufficiale del Comune di Baunei su Facebook.

Il post su Facebook del Comune di Baunei

La replica ufficiale del Comune di Baunei è apparso sulla pagina Facebook “Comune di Baunei – Santa Maria Navarrese” nella giornata di giovedì 17 agosto.

Nel post, pubblicato in doppia lingua (italiano e inglese) e rivolto direttamente ai gestori della pagina che ha pubblicato l’immagine di Cala Mariolu scambiata per Corfù, si legge: “I vostri 644 mila follower, le 67 mila persone che hanno messo il ‘like’ sul vostro post, dovrebbero sapere che il luogo ritratto non è la (bellissima, ci mancherebbe) Corfù, ma Ispuligedenie – Cala Mariolu, a Baunei, in Sardegna”.

Il messaggio del Comune di Baunei si conclude poi così: “Vi chiediamo di prestare più attenzione, anche a tutela delle tantissime persone che in buona fede fanno affidamento su informazioni errate per visitare, o sognare di visitare, ciò che vedono”.

Alla scoperta di Cala Mariolu in Sardegna

Cala Mariolu è una delle spiagge più belle della Sardegna. Si trova nella costa centro-orientale della regione, nel golfo di Orisei, nel territorio di Baunei. Il nome “Cala Mariolu” deriva da una foca monaca che, si narra, “rubasse” il pescato dalle reti dei pescatori provenienti da Ponza e che, perciò, era chiamata il “mariolo” (ladro). Cala Mariolu è anche nota come “is pùligi de nie” (“le pulci di neve”) per i suoi sassolini tondi, bianchi e rosa, che si mischiano alla sabbia.

I colori che qui è possibile ammirare sono uno dei suoi punti forti: i sassolini che somigliano a tanti fiocchi di neve fanno da contrasto alle infinite tonalità di blu e verde smeraldo dell’acqua del mare. Il fondale è basso e offre uno spettacolo mozzafiato a chi sceglie Cala Mariolu per fare un’immersione con la maschera. A largo delle acque di Cala Mariolu, di tanto in tanto, si intravedono anche i delfini.

Cala Mariolu è raggiungibile da terra solo attraverso un impegnativo trekking tra una fitta macchia mediterranea. La spiaggia, infatti, è circondata da una falesia a picco sul mare che raggiunge i 500 metri di altezza. La spiaggia è raggiungibile più comodamente via mare, con barche private o con i servizi per le cale in partenza dai porti di Arbatax, Cala Gonone e Santa Maria Navarrese.

Nelle vicinanze di Cala Mariolu ci sono tante grotte. Una è all’interno della cala: inizia con una spiaggetta e arretra per 10 metri di profondità. A poca distanza è invece possibile ammirare l’affascinante grotta del Fico. Chi opta per fare un’escursione lungo il golfo può ammirare altre spiagge spettacolari, come l’incontaminata Cala Goloritzè, le suggestive Cala Sisine e Cala Biriola e una delle spiagge più famose della Sardegna e del Mar Mediterraneo, cioè Cala Luna (a metà col territorio di Dorgali).