Avanguardia, è italiano lo yacht da 500 milioni a forma di cigno

Si chiama Avanguardia il mega yacht italiano progettato dal designer viterbese Pierpaolo Lazzarini: la sua particolarità è la forma che ricorda un cigno

Al termine di un’estate 2020 segnata in maniera profonda dall’emergenza Coronavirus, il designer viterbese Pierpaolo Lazzarini ha svelato il progetto Avanguardia: si tratta di un mega yacht italiano da 500 milioni di dollari che ha la forma e le sembianze di un cigno e si ispira anche al personaggio dei cartoni animati Mazinga.

L’imbarcazione, che sembra uscita direttamente da un film di fantascienza, è caratterizzata da una sorta di collo lungo, proprio come quello di un cigno, che una volta alzato fa della testa dello yacht la sua torre di controllo. Quando è reclinata, invece, la testa si stacca e diventa un tender da 16 metri che può prendere il mare in qualsiasi momento e allontanarsi velocemente dalla nave.

Lo yacth Avanguardia progettato dal designer Pierpaolo Lazzarini è lungo 137 metri e si sviluppa su 5 ponti. L’imbarcazione è dotata di due basi per l’atterraggio e il decollo di un elicottero sull’upper deck. Il mega yacht a forma di cigno è stato concepito per montare un motore centrale Mtu Rolls-Royce capace di raggiungere la velocità massima di 18 nodi.

Al propulsore principale, inoltre, andrebbero aggiunti altri due motori elettrici, le speciali Jet Capsules che lo stesso Lazzarini ha progettato per consentire una navigazione più lenta o per poter spostare il motoscafo senza il bisogno di mettere in azione l’unità centrale. Specifiche al top per un’imbarcazione che costerà qualcosa come 500 milioni di dollari. La particolarità che lo rende unico, però, resta la forma che ricorda le sembianze di un cigno. Il collo, costituito da una gru a tre snodi con pompe elettro-idrauliche, è completamente reclinabile.

Durante la navigazione di Avanguardia, il collo viene richiuso al centro dello yacht e all’occorrenza può essere dispiegato. La testa è il fiore all’occhiello del progetto: un vero e proprio mini-jet ausiliario che aggiunge altri 20 metri di lunghezza all’imbarcazione, consentendole di superare anche Flying Fox, lo yacht a noleggio più grande del mondo.

Previsti anche servizi e stanze distribuite su 5 ponti, con un garage e una piscina oltre alle piste di atterraggio per gli elicotteri. Al momento Avanguardia resta un progetto che per essere costruito può adattarsi alle esigenze pratiche di costruzione, senza dover stravolgere l’intera estetica. Per vederlo realizzato bisognerebbe trovare il giusto cantiere navale a cui affidare l’impresa e un finanziatore capace di investire la cifra di 500 milioni di dollari, più dello yacht Savannah avvistato nel porto di Ostia durante l’estate.