Approfondimenti sui villaggi operai in Italia

Approfondimenti sulla storia e le origini dei villaggi operai in Italia

Per trovare le origini dei villaggi operai bisogna fare un balzo all’indietro sino a  giungere alla seconda metà del Settecento, quando, a seguito dello sviluppo industriale, nonché del pessimo stato organizzativo delle prime città legate alla produzione in fabbrica, si diffondono, soprattutto in Francia ed in Inghilterra, le teorie illuministe e socialiste. I villaggi operai rappresentano così una realtà di compromesso tra l’utopia socialista e l’insufficiente intervento pubblico nella risoluzione dei problemi urbanistici e sociali generati dall’introduzione dei processi industriali.

(Guarda le immagini dei villaggi operai in Italia più famosi)

Al disordine cittadino, sotto la spinta paternalistica di imprenditori “illuminati”, viene contrapposto un ordinato sistema abitativo ed organizzativo finalizzato al benessere della comunità in funzione della produttività.

I villaggi operai si contraddistinguono infatti per la totale integrazione tra la vita all’interno della fabbrica e quella al di fuori di essa: attività lavorativa, istruzione scolastica, formazione religiosa,  vita familiare tempo libero costituiscono momenti della quotidianità degli abitanti del villaggio operaio da gestire e disciplinare.

Per tale ragione è possibile riconoscere nei villaggi operai, edificati sempre in luoghi in cui fosse presente la materia prima (come nel caso dei villaggi sorti in zone di miniere) o le fonti energetiche, alcuni elementi ricorrenti, compreso il  piano urbanistico che, rigorosamente geometrico, rispecchia la volontà di dominio e rigore dell’imprenditore.

L’edificio più importante del villaggio operaio, motore attorno al quale gira tutta la vita del villaggio, è la fabbrica; non mancano poi la chiesa, la villa del padrone, le case dei dirigenti e le casette operaie con tanto di orto, la scuola ed altre strutture sociali come l’ospedale, i bagni pubblici, il teatro e più avanti nel tempo anche strutture dedicate all’attività sportiva, sino finanche il cimitero:  dalla nascita alla morte il villaggio operaio ingloba e gestisce la vita di tutta la comunità ivi residente.

Guarda le immagini dei villaggi operai in Italia più famosi.

(Testi a cura di Simona Politini, Presidente dell’Associazione Archeologiaindustriale.net )

Pubblica un commento