Villa Adriana e Villa d'Este tra i siti più amati del Lazio

Villa Adriana e Villa d'Este sono arrivate in finale in un sondaggio pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook del Turismo della Regione Lazio

Villa d'Este

Villa Adriana e Villa d’Este sono tra i siti più amati di tutto il Lazio. Le due ville di Tivoli, in un sondaggio realizzato dalla pagina ufficiale del Turismo della Regione Lazio per valorizzare le bellezze naturali e artistiche del territorio, sono arrivate in finale.

Il contest è stato creato da Visit Lazio allo scopo di far conoscere le bellezze e le peculiarità del territorio. Il sondaggio ha avuto un grande riscontro di pubblico, finendo per risvegliare l’attenzione sulla straordinaria offerta turistica e culturale di tutta la regione. Entrambe hanno conquistato la top 30 nella classifica dei musei più visitati d’Italia nel 2019.

I due siti di Tivoli erano in gara con altre località di grande pregio, sia dal punto di vista naturalistico che culturale, e di notevole visibilità internazionale. Nonostante la concorrenza agguerrita, le ville dell’istituto autonomo del MiBACT hanno raggiunto la finale, in sinergia con l’amministrazione comunale, l’associazionismo locale e l’intera comunità cittadina.

L’edificazione di Villa Adriana risale al secondo secolo per volere dell’Imperatore Adriano che la fece costruire come residenza imperiale. La sua struttura è formata da un ricco complesso di edifici realizzati gradualmente e che si estendono su una vasta area. La villa è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO nel 1999.

Nel 2014 è stato il ventiseiesimo sito statale italiano più visitato, con oltre 230 mila visitatori e un introito lordo che ha superato il mezzo milione di euro. Villa Adriana comprende edifici residenziali, terme, ninfei, padiglioni e giardini e rappresenta un frammento di campagna romana intatta con i resti della villa costruita dall’imperatore Adriano.

Villa d’Este, invece, è più recente. È stata edificata nel XVI secolo. La villa fu costruita per volere del cardinale Ippolito d’Este, figlio di Alfonso I e di Lucrezia Borgia, su un sito già anticamente sede di una villa romana. Vero e proprio capolavoro del Rinascimento italiano, rappresenta il massimo esempio di giardino manierista e figura nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.  L’intero complesso ha avuto un’influenza fondamentale nello sviluppo dei giardini in tutta Europa, diventando fonte d’ispirazione per la creazione artistica.

Villa Adriana e Villa d’Este sono tra le più belle e importanti dimore storiche del Lazio: a partire dal 1 settembre 2016, sono riunite sotto un’unica gestione autonoma, assieme ai siti monumentali del Santuario di Ercole Vincitore, della Mensa Ponderaria e del Mausoleo Plauzi, in un organismo denominato “Le Villae”.