Tortellino d'Oro 2019: la classifica dei migliori a Bologna

I ristoranti e pastifici bolognesi dove assaggiare i migliori tortellini, secondo la Confraternita dello Gnocco d’Oro

Tortellino d'Oro 2019: la classifica dei migliori a Bologna

C’è voluto un anno intero di ricerche su tutto il territorio bolognese, per decretare i vincitori del Tortellino d’Oro 2019.

A scovare i migliori ristoranti e pastifici di Bologna e dintorni è stata la Confraternita dello Gnocco d’Oro, che si è prefissata l’arduo (ma piacevole) compito di valutare le 400 portate di tortellini dei ristoranti e pastifici bolognesi coinvolti nel progetto, presso la Cantina Bentivoglio, nel cuore storico della città felsinea.

Per la categoria “Ristoranti”, al primo posto troviamo i tortellini dello storico “Al Pappagallo”, in Piazza della Mercanzia, considerato uno dei migliori ristoranti d’Europa, che quest’anno ha festeggiato cento anni. A conquistare il secondo gradino del podio, “Il Salotto” di Crevalcore, mentre al terzo posto si piazza l’enoteca “Giro di Vite” in via delle Fonti.

Per la categoria “Pasta Fresca”, che premia i migliori pastifici di Bologna e della provincia, il primo posto va ai tortellini de “La Baita Vecchia Malga”, un punto di riferimento storico per i buongustai, che vanta diversi punti vendita in città, di cui una in via Pescherie Vecchie, nel cuore del Quadrilatero, l’antico quartiere commerciale bolognese. Al secondo posto troviamo la start-up cooperativa “SfogliAmo”, mentre “Pasta Fresca Simoni” in via Malvolta conquista il terzo gradino del podio.

Non sono mancate le menzioni speciali per questa eccellenza italiana. Se il Miglior tortellino gluten free è quello del laboratorio artigianale “La Spiga Amica”, “La Lanterna” è stato valutato il Miglior pastificio storico, mentre la “Bottega del Cappello” si distingue per il Miglior tortellino al femminile. 

Il ristorante “Acqua pazza” si aggiudica la menzione d’onore per il Miglior tortellino creativo, “Fermata del Gusto” si qualifica come la Migliore gastronomia esordiente, mentre l’Osteria del Mirasole di San Giovanni in Persiceto viene premiata per il Miglior tortellino alla crema di latte. La Pergamena di merito, come Miglior tortellino pastorizzato di Bologna e provincia, se l’è aggiudicata, invece, “Gratifico – L’arte della Pasta” di Minerbio.

La cerimonia di premiazione dei migliori tortellini si è svolta nella cornice storica di Palazzo Malvezzi, a Bologna, dove è stato presentato il libro “Sua maestà il tortellino di Bologna – The King”, di Luca Bonacini e Giancarlo Roversi, edito da Artestampa Edizioni, in collaborazione con la Confraternita del Gnocco d’Oro. Nata nel 2011, da un’idea di dieci gourmet modenesi, la confraternita vanta tra i suoi fondatori anche i giornalisti e scrittori Roberto Armenia, Edmondo Berselli, Giuseppe Pederiali e John Hemingway.