Parma capitale di gusto e sapori: la città creativa Unesco della gastronomia propone le proprie eccellenze

Dal 5 al 13 maggio Parma, città creativa Unesco per la gastronomia, si racconterà attraverso le sue eccellenze gastronomiche

Parma incoronata città creativa Unesco della gastronomia

Parma è ambasciatrice della Food Valley nel pianeta, la città emiliana è stata proclamata città creativa Unesco per la gastronomia nel 2015, un riconoscimento, semmai ce ne fosse stato bisogno, che esalta le eccellenze culinarie di una zona rinomata in tutto il mondo per le proprie unicità del gusto. In Emilia Romagna, non a caso, si registra il record di prodotti DOP e igp, e questo riconoscimento è soltanto il coronamento di una miriade di eccellenze di cui il territorio che si estende attorno al parmense. 

Dal 5 al 13 maggio, Parma, forte del lustro ricevuto dall’Unesco, diventa il palcoscenico di Cibus OFF: nel centro storico della città ducale ci saranno eventi che seguiranno come filo conduttore, come è giusto che sia, il buon cibo.

Il progetto, complementare al Cibus, il più importante salone italiano dedicato all’agroalimentare (Parma, 7-10 maggio), è promosso dal Comune di Parma ed è sostenuto, in qualità di main partner, da realtà come il Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano e il Consorzio del Prosciutto di Parma e da aziende come Barilla, Mutti, Parmalat e Rodolfi Mansueto. Con il coordinamento di Parma Alimentare e “Parma, io ci sto!”

Parmigiano reggiano, prosciutto di Parma, Salame di Felino, sono solo alcuni dei tesori che rapiscono, da tempo immemore, il palato di italiani e stranieri, turisti del gusto che difficilmente possono resistere al tripudio di sapori che prende forma e si assembla in questo perimetro grazie all’esperienza secolare dei maestri di sapidità che vivono a Parma.

Per dare visibilità alle eccellenze culinarie che nascono in uno dei capoluoghi più ricchi del centro Italia, nella bella cittadina emiliana è nata una proficua sinergia tra privati ed enti pubblici per puntare all’esaltazione del prodotti della città capitale dei gusti buoni e saporiti.

 

 

Parma incoronata città creativa Unesco della gastronomia

Una collaborazione che nasce in un anno particolarmente importante per tutto ciò che ruota attorno al cibo e al buon mangiare. Il 2018, infatti, è stato dichiarato “Anno del cibo italiano” dai Ministeri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, da quello dei Beni Culturali e del Turismo. Un importante tassello che mira a valorizzare la città e a sfruttare al meglio il riconoscimento dell’Unesco.

ronata città creativa Unesco della gastronomia

Attraverso manifestazioni ed eventi si punterà ad esaltare Parma e tutta la Food Valley italiana, tramite anche pratiche che riguardano l’alimentazione e lo sviluppo sostenibile.

«Quella di Parma è una grande storia legata al cibo, che non è solo prodotto ma racconto, esperienza, cultura. In un viaggio che parte dai luoghi di produzione e arriva sulle nostre tavole. Noi abbiamo deciso di condividerla attraverso un lavoro coerente di strategia che ha visto un territorio compatto su una direzione.  I prodotti DOP e IGP del nostro territorio generano 1,5 milioni di fatturato, le presenze turistiche sono aumentate del 26% negli ultimi 5 anni e puntiamo ad arrivare, da 700.000 presenze, a 1 milione: l’ambizione non è quella di “massificare” ma proporre un modello vincente fedele alla cultura di un territorio» ha detto Federico Pizzarotti.

ronata città creativa Unesco della gastronomia

Pubblica un commento