Tintoretto in mostra a Palazzo Ducale di Venezia

La Fondazione Musei Civici di Venezia e la National Gallery of Art di Washington presentano una mostra dedicata all'artista veneto

palazzo ducale

La Fondazione Musei Civici di Venezia e la National Gallery of Art di Washington presentano, dal 7 settembre 2018 sino al 6 gennaio 2019, una mostra dedicata a Tintoretto. E l’ intramontabile artista veneto, si potrà ammirare proprio in uno dei luoghi che portano più vivamente la testimonianza della sua eccellenza: Palazzo Ducale.

Jacopo Tintoretto è stato uno dei più importanti pittori della tradizione artistica veneziana. Vissuto attorno al XVI secolo, è uno dei maggiori esponenti della corrente neoclassica. La sua arte, ancora oggi, viene considerata una delle più espressive mai viste in Veneto, e l’inestimabile valore artistico delle sue opere è ancora uno dei grandi vanti della Città della Laguna.

Passato alla storia per la vastissima conoscenza dei repertori iconografici dell’epoca, un must-have dell’arte contemporanea del tempo, Tintoretto conobbe la popolarità grazie al vento di contro-riforma che imperversava in tutta Europa.

Infatti, nonostante la Repubblica di Venezia si avviasse verso un’inesorabile declino, non mancavano le richieste di lavoro e le commissioni di opere d’arte. Tra i suoi lavori più celebri possiamo annoverare la ricostruzione del Palazzo Ducale, a cominciare dal soffitto della Sala delle Quattro Porte, oltre ad una serie di opere ricevute su commissione dal Duca di Gonzaga per il suo palazzo di Mantova.

L’attività di Tintoretto fu instancabile, e nell’anno della sua stessa morte, giunta a settant’anni, egli trovò la forza di realizzare altre due importanti opere per la Basilica di San Giorgio Maggiore.

Nel percorso espositivo dei Musei Civici, si può ammirare l’intramontabile bellezza delle opere di uno dei “giganti” della pittura europea. I dipinti presentati sono 50 e 20, invece, sono i disegni autografati da Tintoretto, prestati da musei internazionali, che si uniscono, in questa occasione, alla collezione originaria del Palazzo Ducale.

La grande forza espressiva dell’artista si potrà osservare in tutte le sue opere, in particolar modo sul nobile ritratto di Giovanni Mocenigo, prestato eccezionalmente dal Museo di Vienna, sul Ratto di Elena e sui due autoritratti, posizionati all’inizio ed alla fine del percorso espositivo.

L’evento espositivo, grazie alla collaborazione con storici dell’arte di fama internazionale, rappresenta uno dei più grandi e prestigiosi degli ultimi tempi, riuscendo a coinvolgere tutto il mondo, accorso per osservare da vicino alcuni tra i capolavori più belli che l’arte possa aver offerto.