New York: il miglior ristorante per TripAdvisor è italiano

"Piccola Cucina Enoteca" dello chef italiano Philip Guardione è il miglior ristorante di New York secondo TripAdvisor

new york trip advisor ristorante italiano piccola cucina enoteca Philip Guardione

Si può ancora credere nel sogno americano? Con il talento e la passione, sembrerebbe proprio di sì, almeno stando alla classifica dei ristoranti più amati a New York secondo TripAvisor.

Lo scettro lo ha conquistato “Piccola cucina Enoteca” ristorante italiano, che ha sbaragliato gli altri oltre 10 mila locali della Grande Mela.

Al timone Philip Guardione che è arrivato a New York dalla Sicilia nel 2008 e che, piano piano, sta ampliano la propria sfera di interesse inaugurando una serie di locali, non solo nella città americana, ma anche in Europa. Infatti dopo l’apertura di “Piccola Cucina Enoteca” avvenuta nel 2008, sono seguiti altri due ristoranti a New York e uno a Ibiza.

È la prima volta che un locale italiano primeggia tra i tanti che offre la Grande Mela e si tratta di un primato non da poco dal momento che la proposta newyorkese è davvero variegata e multietnica.

A tal proposito l’executive Chef Philip Guardione non propone generica cucina italiana, ma porta in tavola piatti tipici della sua terra: la Sicilia. Certo non mancano le rivisitazioni, ma la base arriva dai luoghi in cui è nato e cresciuto. Catania, quindi, ma anche Francavilla di Sicilia.

La cucina lo ha attirato sin da piccolo e questa passione lo ha portato a fare diverse esperienze prima di approdare nella Grande Mela e aprire il primo dei suoi locali a Soho. Nel suo lungo curriculum vi sono Milano (“Four Season”) e Parigi (“Il Carpaccio” e “Taillevent”).

E ora il suo lungo lavoro è stato premiato con il primato di migliore ristorante della Grande Mela secondo TripAdvisor.

È un periodo di grande successo per la cucina italiana a New York, dove fra i piatti più amati c’è uno di quelli tipici della tradizione: la pasta cacio e pepe.

E il settore alimentare italiano continua a macinare successi, mentre si moltiplicano le iniziative volte a una maggiore conoscenza del made in Italy. Due tra tutte: la settimana della cucina italiana nel mondo (che quest’anno è giunta alla sua terza edizione) e il tour  mondiale che sta facendo la cucina del maestro Gualtiero Marchesi, un tour che partito proprio dagli Stati Uniti con due tappe: una a Chicago e una a New York.

Pubblica un commento