National Geographic: una meta italiana tra i migliori viaggi 2020

C'è anche Parma tra le 25 destinazioni da visitare assolutamente il prossimo anno: cosa fare e vedere secondo il famoso magazine

National Geographic: una meta italiana tra i migliori viaggi 2020

C’è una meta italiana tra le 25 destinazioni più emozionanti del pianeta da visitare nel 2020. La lista dei luoghi imperdibili e sostenibili da non lasciarsi sfuggire è stata stilata dal National Geographic, in collaborazione con i team delle 17 edizioni internazionali del trimestrale “National Geographic Traveler”, dedicato a chi ama scoprire il mondo, e con esperti e appassionati globetrotter.

Tra le destinazioni da vedere assolutamente, figura anche Parma. Secondo la celebre rivista, la Capitale Italiana della Cultura 2020 è il luogo ideale per concedersi una vacanza “multisensoriale”.

Tra le cose da scoprire e vedere, per chi vi si reca per la prima volta, il National Geographic menziona il “re dei formaggi” Parmigiano Reggiano, le opere di Giuseppe Verdi e l’“Assunzione della Vergine” lo straordinario affresco della cupola del Duomo realizzato dal Correggio.

Il territorio parmense è, inoltre, legato da secoli alle eccellenze enogastronomiche rinomate in tutto il mondo. Oltre al sopracitato Parmigiano Reggiano, c’è il celeberrimo prosciutto di Parma, che si contraddistingue, oltre che per le peculiarità nutrizionali, (gli unici ingredienti sono carne suina e sale, senza additivi né conservanti), anche per la “corona”, il marchio che viene impresso a fuoco solo sull’originale.

L’itinerario enogastronomico continua anche fuori alle porte di Parma, fino ad arrivare a Modena, dove assaggiare il rinomato aceto balsamico o degustare un buon bicchiere di Lambrusco.

Tra i luoghi da non perdere, per chi è in visita a Parma, il National Geographic consiglia lo splendido Labirinto della Masone, straordinario parco culturale con il più grande labirinto di bambù al mondo, entrato a far parte del prestigioso circuito dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli.

Da visitare assolutamente, secondo il famoso magazine americano, anche il vasto Palazzo della Pilotta, un complesso monumentale unico che oggi ospita alcune tra le più importanti istituzioni della città, tra cui la Biblioteca Palatina, il Museo Archeologico, la Galleria Nazionale ed il Teatro Farnese.

Il periodo migliore per visitare Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020? Il National Geographic suggerisce i mesi di aprile e maggio. E per chi volesse imparare a preparare un menù tipico parmense, compresa la pasta fatta a mano, rigorosamente con gli ingredienti tipici dell’Emilia-Romagna, gli esperti di viaggi consigliano il programma di quattro giorni “La cucina dello chef Mattia a Parma” realizzato da Cooking Vacations Italy, leader in tour culinari, corsi pratici di cucina, visite ai mercati alimentari e avventure culturali in Italia.