Nasce un nuovo comune italiano e ha un nome arabo

L'Assemblea siciliana ha approvato il progetto: Misiliscemi sarà il 391° comune siciliano che unisce 8 frazioni del territorio periferico di Trapani

Misiliscemi nuovo comune italiano

Ci sono voluti dieci anni per istituire Misiliscemi, un nuovo comune della provincia di Trapani che raggruppa otto frazioni. A dare il via libera è stata l’Assemblea siciliana con una votazione di 21 favorevoli e 13 contrari che permette la nascita del 391° comune siciliano.

Misiliscemi: il nuovo comune siciliano

In tutta Italia numerosi sono i comuni che hanno deciso di fondersi ma nella periferia di Trapani accade qualcosa di nuovo: otto frazioni si sono allontanate per poter formare un nuovo comune chiamato Misiliscemi. Il nuovo comune unirà le frazioni di Fontanasalsa, Guarrato, Rilievo, Locogrande, Marausa, Palma, Salinagrande e Pietretagliate.

Il progetto muove i primi passi nel 2006 con la nascita di un’associazione interessata a riorganizzare ed unire un territorio disgregato in piccoli insediamenti con pochi servizi rafforzandolo e soprattutto restituendogli l’identità gloriosa del passato.

Il territorio di circa 93 km quadrati conta 8669 residenti che triplicano durante la stagione estiva grazie alla presenza di numerose seconde case che ospitano vacanzieri e turisti. L’iter per conferire l’indipendenza alle frazioni dura da molti anni e ha avuto il suo culmine nel 2018 quando durante una votazione la città di Trapani si è praticamente astenuta dal voto mentre nelle frazioni si è raggiunto un quorum superiore al 52%.

Grazie alla riunione e all’approvazione dell’Assemblea che ha approvato il progetto, Misiliscemi nascerà ufficialmente per fornire i servizi richiesti ad una comunità composta da otto contrade che sono unite da storia, cultura e dalla tradizione agricola.

L’iter non è certamente concluso e ora Misiliscemi dovrà definire tutti i dettagli della propria autonomia ma il territorio che ospita anche l’aeroporto di Birgi diventerà ufficialmente il 391° comune della Sicilia.

Perché il nuovo comune ha un nome di origine araba

Masil escemmu” che significa luogo elevato dove scorre l’acqua è l’ispirazione araba che dà il nome a Misiliscemi, il nuovo comune siciliano che raggruppa otto diverse frazioni del territorio trapanese. La scelta del nome deriva dall’omonimo torrente che nasceva su queste alture e percorreva la zona fino a sfociare nei pressi della salina San Francesco. La scelta del nome di origine araba vuole essere un omaggio al passato glorioso della zona, quando il feudo di Misiliscemi aveva una grande rilevanza per la città di Trapani.