Milano, lo Storto di CityLife ha vinto un premio d'eccellenza

La Torre Generali conquista il premio "Excellence in Concrete Construction Award 2019"

Torre Generali

Lo skyline di Milano riceve un nuovo riconoscimento internazionale. Dopo il Bosco Verticale di Boeri, inserito tra i 50 grattacieli più iconici del mondo, stavolta tocca alla Torre Generali di City Life.

Lo Storto, così è stata ribattezzata la torre disegnata da Zaha Hadid, si è aggiudicato il premio internazionale “Excellence in Concrete Construction Award 2019” assegnato dall’ACI, American Concrete Institute.

A convincere la giuria del prestigioso premio, assegnato negli Stati Uniti a Cincinnati, in Ohio, è stata la sapienza progettuale ed ingegneristica del grattacielo. Questo è caratterizzato da un’accentuata torsione sull’asse verticale ed è stato realizzato su progettazione della società Redesco.

Non è la prima volta che un grattacielo di Milano riesce a conquistare i consensi dei giurati dell’American Concrete Institute. Prima dello Storto era toccato a Palazzo Italia, uno dei simboli architettonici dell’Expo che due anni fa aveva trionfato agli “Excellence in Concrete Construction Award 2019”.

La Torre Generali, soprannominata lo Storto, è uno dei tre grattacieli del progetto CityLife per la riqualificazione della zona dell’ex Fiera di Milano. L’edificio, costruito in stile neo-futuristico dal 2014 al 2017, ospita la sede degli uffici milanesi del Gruppo Generali. La sua altezza è di 177 metri che diventano 192 se si considerano gli ulteriori 15 metri dell’insegna Generali. Si sviluppa per 44 piani, 39 dei quali adibiti ad uffici ed in grado di accogliere 3.200 persone al loro interno.

Il premio è motivo di vanto per l’architettura e l’ingegneria italiana e va a sottolineare la capacità di progettare opere che non hanno eguali al mondo, sia dal punto di vista tecnologico che da quello architettonico.

Ciò che rende la torre caratteristica e suggestiva, oltre ad aver ispirato il suo soprannome, è la torsione dell’edificio che viene accentuata con l’aumentare dell’altezza, fino a quando non raggiunge la verticalità in cima. In fase di realizzazione, è stato fatto in modo che il grattacielo avesse un’elevata efficienza, prestando una grande attenzione al contenimento dei costi energetici.

L’inizio dei lavori porta la data del 25 agosto 2014, mentre l’inaugurazione ufficiale è avvenuta lo scorso 9 aprile 2019. Ha già ricevuto diversi premi, tra i quali quello di grattacielo più bello conferitogli da Emporis. Quest’anno ha conquistato l’American Concrete Institute ricevendo il premio “Excellence in Concrete Construction Award 2019”. Un altro traguardo per Milano, dopo che il Bosco Verticale di Boeri è stato inserito tra i 50 grattacieli più iconici del mondo.