I migliori vini italiani per l'autunno 2020 secondo il NYT

Ci sono due etichette italiane nella lista dei migliori vini da sorseggiare durante l'autunno del 2020 stilata dal critico del New York Times Eric Asimov

Vini autunnali

Il giornalista e critico enogastronomico del New York Times, Eric Asimov, ha passato in rassegna i migliori vini da degustare durante l’autunno del 2020.

L’esperto del quotidiano statunitense, dopo aver indicato i migliori vini estivi italiani sotto i 20 euro, ha selezionato le bottiglie ideali per l’arrivo della stagione autunnale. Le sue preferenze sono rivolte in particolar modo ai vini rossi, senza però abbandonare i bianchi. L’importante è che si tratti di vini ancora leggeri, ideali per il periodo di transizione tra la calda estate e il freddo inverno.

Nella selezione dei migliori vini autunnali del 2020, Eric Asimov ha inserito anche due etichette italiane: una proveniente dalla Sicilia e l’altra dalla Toscana. Asimov, da vero intenditore, ha un debole per le produzioni del nostro territorio e in estate ha elogiato il Verdicchio sulle pagine del New York Times, definendolo come il più grande vino bianco di tutta Italia.

Viene dalla Toscana il primo dei due vini italiani scelti e inseriti da Eric Asimov nella lista delle migliori bottiglie dell’autunno 2020: si tratta del Montenidoli Vernaccia di San Gimignano Fiore 2018.

La Vernaccia di San Gimignano è un vino toscano fresco che presenta aromi agrumati e floreali. Prodotto utilizzando esclusivamente uve coltivate in biologico, questo bianco toscano è perfetto per accompagnare le ultime insalata della stagione. Il prezzo di una bottiglia è di circa 20 euro.

San Gimignano è nota per la sua straordinaria produzione di vini: ben tre bottiglie provenienti dalla città collinare della Toscana situata a sud-ovest di Firenze, infatti, si sono aggiudicate l’ambizioso riconoscimento Tre Bicchieri 2020 della Guida Vini d’Italia 2020 del Gambero Rosso.

Insieme a un vino bianco pregiato, non poteva mancare un rosso nella prestigiosa selezione del New York Times. Stavolta la bottiglia scelta dal giornalista e critico enogastronomico Eric Asimov arriva dalla Sicilia: Manente Cerasuolo Vittoria 2018.

Un vino rosso che viene prodotto nella Sicilia sud-orientale e combina la corposità e la ricchezza tipiche del nero d’Avola con la freschezza del frappato. Questa combinazione risulta vincente, soprattutto quando passa nelle mani di agricoltori e produttori sensibili come Marita e Guglielmo Manenti, marito e moglie che coltiva in modo biologico. La bottiglia si può acquistare anche online al costo di 17 euro.