I migliori vini bianco e rosso del 2021 in Italia

Quali sono i migliori vini bianco e rosso dell'anno 2021 in Italia? Lo ha rivelato Gambero Rosso: ecco chi ha vinto il prestigioso riconoscimento

I migliori vini bianco e rosso del 2021 in Italia

Dopo aver indicato i vini Tre Bicchieri di ogni regione d’Italia, la guida Gambero Rosso ha premiato anche il miglior vino bianco d’Italia 2021 e il miglior vino rosso d’Italia 2021.

Il miglior vino bianco d’Italia 2021

Tra i bianchi, a trionfare è stato il Sopraquota 900 2019 di Rosset Terroir. La guida ha spiegato così la scelta: “Oltre a essere un vino di grande personalità ed eleganza, consente di mettere in risalto un vitigno di cui si inizia a parlare molto e che sta guadagnando rapidamente spazi vitati in un territorio così angusto, come si evince subito dall’orografia della Valle d’Aosta. Ed è proprio la conformazione del territorio a dar senso alla locuzione ‘vini eroici‘”.

Il vigneto da cui proviene il Sopraquota 900 2019 di Rosset Terroir (6 mila bottiglie) è grande circa due ettari, di cui 1,7 di petite arvine. Il vigneto di Cumiod, nel comune di Villeneuve, è molto ripido: per raggiungerlo bisogna inerpicarsi da 900 metri di quota fino a oltre 1050. La vigna, di oltre 30 anni, ha un impianto molto fitto a 11mila ceppi per ettaro ed è interamente lavorata a mano.

Rosset Terroir ha sempre raggiunto il riconoscimento dei Tre Bicchieri (il massimo riconoscimento per un vino italiano nella guida di Gambero Rosso) con questa etichetta, dalla prima annata di produzione con la vendemmia 2017. Nella Guida Vini d’Italia 2021 è poi arrivato questo nuovo importantissimo premio.

Il miglior vino rosso d’Italia 2021

Il miglior vino rosso d’Italia 2021 secondo la guida Vini d’Italia 2021 di Gambero Rosso è il Barolo Ornato 2016 di Pio Cesare. La motivazione: “Il premio ricompensa una prestigiosa denominazione, che ha saputo conquistarsi il riconoscimento internazionale, un’annata eccezionale e una famiglia che ha fatto la storia del vino italiano. Visitare le antiche cantine Pio Cesare, costruite nel Settecento utilizzando come fondazioni le mura romane di Alba Pompeia, significa respirare la storia”.

Il Barolo Ornato 2016 di Pio Cesare, descritto come “raffinato e potente”, ha una trama tannica fitta ma progressiva e un finale persistente e aristocratico. Questo vino è nato dai filari piantati nella parte più alta della collina. Da un vigneto di 6,5 ettari di nebbiolo da Barolo sono state imbottigliate circa 10mila pezzi.

Non solo Gambero Rosso: Forbes ha selezionato le 100 migliori etichette di vino italiano.