In Liguria dedicata una via a Andrea Camilleri

Via libera per intitolare una strada di Boccadasse allo scrittore recentemente scomparso, creatore del commissario Montalbano

Boccadasse

Una via da dedicare alla memoria di Andrea Camilleri: un gesto significativo per rendere omaggio al grande Maestro, nel borgo di pescatori di Boccadasse, il luogo dove Camilleri ha voluto vivesse Livia, l’eterna fidanzata del commissario Montalbano.

Nei giorni scorsi è arrivato il via libera da parte del Consiglio comunale di Genova. La Sala Rossa ha approvato a maggioranza, un ordine promosso dalla lista Crivello che impegna l’amministrazione a dedicare un angolo di Boccadasse allo scrittore siciliano.

Una via del quartiere, dunque, sarà presto intitolata ad Andrea Camilleri. Lo scrittore rimase molto colpito dal borgo marinaro di Genova, quando ebbe l’occasione di visitarlo nel corso degli anni ’50. Un amore sincero per le sue vie, i suoi colori e i suoi profumi che lo portò a sceglierlo come dimora di Livia, la compagna di Salvo Montalbano, protagonista dei suoi romanzi che hanno dato vita ad una lunga e seguita serie televisiva, con Luca Zingaretti nei panni del commissario.

Ad ispirare Livia, l’eterna fidanzata di Montalbano, fu Raffaella, una ragazza che Camilleri conobbe proprio a Boccadasse e gli fece da guida per le strade genovesi. Intitolando una via allo scrittore, i cittadini di Genova compiono un gesto significativo che rappresenta una sorte di testimonianza per il suo grande amore nei confronti del capoluogo ligure per un legame che non verrà meno negli anni.

Nato a Porto Empedocle in Sicilia nel 1925, Andrea Calogero Camilleri è stato uno degli scrittori italiani più apprezzati degli ultimi 60 anni: i suoi lavori sono stati tradotti in oltre 120 lingue ed hanno venduto più di 10 milioni di copie.

Nel corso della sua straordinaria carriera, ha ricoperto anche il ruolo di sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante di italiano. Inoltre ha insegnato anche regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica.

Proprio nella capitale, Camilleri si è spento il 17 giugno del 2019 a causa di un arresto cardiorespiratorio. Lo scrittore era stato colto da un malore mentre si preparava a partecipare ad uno spettacolo che si sarebbe dovuto tenere il 15 luglio alle Terme di Caracalla. La sua scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile nella storia della letteratura italiana, con i cittadini di Genova che hanno deciso di ricordare per sempre il suo nome intitolandogli una via di Boccadasse, il quartiere che amava.