International Chocolate Awards: a Prato la cioccolata più buona d'Italia

A Prato e Sesto Fiorentino si producono le cioccolate più buone d'Italia e di tutto il bacino del Mediterraneo

International Chocolate Awards: a Prato la cioccolata più buona d'Italia

La migliore crema spalmabile al cioccolato è fatta in Italia, ma forse non è quella a cui stavate pensando. Agli International Chocolate Awards di Londra Luca Mannori e Claudia Cursi sono saliti sul podio grazie alle loro creazioni a base di cioccolato, fatte a Prato e a Sesto Fiorentino. La Toscana, quindi, si conferma come laboratorio virtuoso di pregiato cioccolato.

Crema con nocciole Igp con Ocumare al 72%, fatta con cacao proveniente dalle vallate del Venezuela, per Luca Mannori, la formula ghiotta e gustosa ha rapito le papille gustative dei giudici che non hanno avuto dubbi, forse solo qualche tentennamento e indecisione a causa della “Nocciolosa” di Claudia Cursi, un altro concentrato di bontà che è riuscita a strappare la medaglia d’argento. Primo e secondo posto nella categoria creme spalmabili per l’Italia e il bacino del Mediterraneo, questo il risultato dei due italiani che hanno dato sfoggio della propria bravura da chocolatier toscani proprio nel gotha cioccolato, dove gli artigiani del cacao provenienti da tutto il mondo hanno mostrato e fatto assaggiare le proprie delizie.

Cinquanta i paesi partecipanti alla kermesse dedicato al cibo degli dei, almeno 2500 i prodotti presentati che hanno allietato i palati dei giurati.

International Chocolate Awards: a Prato la cioccolata più buona d'ItaliaPer Luca Mannori non è il primo trofeo, nel proprio palmares può vantare la vittoria al campionato del mondo dedicato al cioccolato tenutosi anni fa a Lione dove la sua “Setteveli” sbaragliò la concorrenza. Per Claudia Corsi invece è il primo premio di una certa importanza. La sua crema spalmabile è il frutto di dedizione e impegno e migliorie attuate fino alle ultime ore disponibili prima che i severi giudici spalmassero e assaggiassero la sua crema, che è piaciuta molto. Ex dipendente di una fabbrica specializzata nella produzione di abbigliamento, Claudia ha inseguito il proprio sogno aprendo a Sesto Fiorentino la propria cioccolateria, laboratorio del buono dove sfornare dei veri capolavori di gusto che ora hanno ottenuto l’importante riconoscimento.

Le altre medaglie italiane hanno premiato Guido Castagna con la sua Giandujia Fontente, Andrea Slitti con le Mandorle d’Avola ricoperte con cioccolato al latte e il Buongiorno alla nocciola di Piccola Pasticceria.

Pubblica un commento