Cremona, record di parti in un giorno in ospedale: 15 nascite

All'ospedale di Cremona, tra le ore 15 di venerdì 26 giugno e le 15 di sabato 27 giugno, sono nati 15 bambini, 10 femmine e 5 maschi, inclusi due gemelli

Cremona, record di parti in un giorno: 15 nascite in 24 ore

A Cremona, in una delle città più colpite dall’emergenza Coronavirus in questi mesi,  si è registrato un record di parti in un giorno: ben 15. Nell’arco di 24 ore, dalle 15 di venerdì 26 giugno alle 15 di sabato 27 giugno, all’ospedale Maggiore di Cremona sono nati 15 bambini, 10 femmine e 5 maschietti, inclusi due gemelli.

Come fatto sapere dal reparto di Ginecologia e Ostetricia, si tratta di un evento “straordinario“, mai accaduto prima di ora. L’ultimo dei neonati di Cremona è venuto alla luce in una stanza di degenza del reparto, ovviamente con l’adeguata assistenza di ostetriche e medici, in quanto in sala parto non era rimasto più posto.

Aldo Riccardi, primario e direttore di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale di Cremona, ha dichiarato: “È stato un evento particolarmente bello, eccezionale per la nostra città. Ci fa felici anche perché arriva dopo mesi difficili. È un segnale di rinascita“.

“La nostra realtà è in controtendenza rispetto al trend nazionale che vede le nascite in calo. Da noi aumentano ma sono circa 1.150 all’anno, 110 al mese, 3-4 al giorno”, ha notato Riccardi, raccontando all”Ansa’ assieme al collega Bruno Brera, responsabile di Neonatologia, l’evento straordinario.

I 15 piccoli stanno tutti bene. Siamo contenti anche perché le loro mamme hanno riposto fiducia in noi – ha detto Brera -. Nei mesi scorsi la terapia intensiva era diventata subintensiva e questo aveva creato preoccupazione nella popolazione. Poi sono arrivate le settimane drammatiche del Covid. L’equipe, però, è rimasta la stessa e anche i livelli di sicurezza garantiti. Alle gravide e ai neonati è assicurato un reparto Covid Free con percorsi riservati. I papà possono entrare in sala parto per il travaglio e nelle due ore successive alla nascita. È andato tutto bene, l’unica difficoltà è stata nella gestione del personale di fronte a una mole di lavoro quattro volte superiore al normale”.

Sulla pagina Facebook dell’ASST di Cremona – Azienda Socio – Sanitaria Territoriale, in riferimento alla notizia del record di nascite nell’ospedale lombardo, si leggono anche le parole della dottoressa Annalisa Abbiati, che era di turno in sala parto assieme al dottor Gaetano Scalzone proprio quando sono venuti alla luce i 15 bambini: “È stata un’esplosione di gioia“.