Coronavirus, a Messina spunta il "passaporto degli innamorati"

La proposta del sindaco di Messina, Cateno De Luca, alla Governatrice della Regione Calabria per far ricongiungere gli innamorati separati dallo Stretto

 

Coronavirus, a Messina spunta il "passaporto degli innamorati"

L’emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova anche l’amore, impedendo a tante coppie lontane di stare insieme. Come fare ad, esempio, se si vive in Calabria e il proprio partner è in Sicilia, o viceversa? A proporre una soluzione per consentire l’incontro dei fidanzati calabro-siculi divisi dallo Stretto è stato il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Il primo cittadino messinese ha scritto una lettera alla Presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, proponendo una sorta di “passaporto degli innamorati”, per aiutare gli amori “pendolari” a ricongiungersi in questa Fase 2.

Secondo l’ultimo decreto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte del 26 aprile scorso, è infatti consentito lo spostamento fra regioni diverse esclusivamente nei casi in cui ricorrano comprovate esigenze lavorative o assoluta urgenza o motivi di salute.

Tuttavia, per rispondere alle centinaia di richieste degli innamorati calabresi e siciliani, perlopiù adolescenti o studenti universitari, che vorrebbero finalmente riabbracciarsi dopo questo lungo periodo di lockdown, il sindaco De Luca è pronto a fare da Cupido con la proposta di un vero e proprio passaporto.

Il documento, rilasciato a chi ha il fidanzato o la fidanzata in Sicilia o in Calabria, consentirebbe di attraversare lo Stretto con assiduità non solo a chi è pendolare per ragioni di lavoro ma anche a chi lo è per questioni di cuore.

“Jole, non puoi penalizzare innamorati e studenti universitari dello Stretto – ha scritto il sindaco Cateno De Luca su Instagram – Ricevo continui messaggi di aiuto di fidanzati che si trovano divisi dallo Stretto di Messina essendo calabresi e siciliani. Ancora più frequenti sono le richieste di studenti universitari calabresi e che si trovano a Messina che hanno la necessità di ritornare a casa in Calabria per prendere libri e fare il cambio di stagione e ritornare a Messina”.

Il primo cittadino di Messina domanda, infine: “Cara Jole Santelli Presidente della Regione Calabria puoi modificare la tua ordinanza e consentire ai fidanzati di incontrarsi ed agli studenti universitari di fare il cambio stagione?”.

Sempre dai suoi canali social, il sindaco De Luca ha offerto virtualmente alla Governatrice della Regione Calabria un simbolico mazzolino di fiori raccolto nelle campagne del suo paese, nella speranza che accoglierà la sua proposta per “coniugare le ragioni del diritto con quelle del cuore”.