Coronavirus, la Calabria riapre bar e ristoranti all'aperto

La decisione della governatrice della Regione Calabria Jole Santelli va contro le indicazioni del governo per la Fase 2 dell'emergenza Coronavirus

Coronavirus, la Calabria riapre bar e ristoranti all'aperto

La Regione Calabria ha deciso di dare il via libera alla ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie e agriturismicon somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto” a partire dal 30 aprile 2020. La decisione, contenuta all’interno di un’ordinanza regionale, è stata comunicata attraverso una nota diffusa nella serata di mercoledì dalla governatrice Jole Santelli.

Jole Santelli ha spiegato: “L’ordinanza prevede misure nuove, al pari di altre regioni e alcune uniche sul territorio nazionale; tutte parlano il linguaggio della fiducia. Poiché in queste settimane i calabresi hanno dimostrato senso civico e rispetto delle regole, è giusto che oggi la Regione ponga in loro fiducia. Sapranno dimostrare buon senso nel gestire i nuovi spazi di apertura che la Regione ha deciso di consentire, anche oltre il dettato del Governo”.

Nel provvedimento adottato dalla Regione Calabria si legge che, a partire dal 30 aprile, la ripresa delle attività sopracitate con servizio con tavoli all’aperto è consentita per “gli esercizi che rispettano le misure minime ‘anti-contagio’” (enunciate in un allegato all’ordinanza) e “ferma restando la normativa di settore”.

Sempre a partire dal 30 aprile, in Calabria è consentita anche “l’attività di commercio di generi alimentari presso i mercati all’aperto, inclusa la vendita ambulante anche fuori dal proprio Comune, fermo restando il rispetto delle distanze interpersonali e l’uso delle mascherine e guanti”. Con l’ordinanza, si dispone anche che, dalla stessa data, “è consentita l’attività di commercio al dettaglio, anche in forma ambulante di fiori, piante, semi e fertilizzanti“.

La decisione presa dalla Regione Calabria, in contrasto con le indicazioni fornite dal governo per quanto riguarda il settore della ristorazione, ha ricevuto dure critiche da parte dell’opposizione. Si attende una comunicazione ufficiale da parte del governo, che, da par suo, in vista della Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, aveva concesso il via all’attività di ristorazione con asporto dal 4 maggio 2020.

Sempre nella serata di mercoledì, Jole Santelli è nuovamente intervenuta sulla sua pagina ‘Facebook’ con un post finalizzato a smentire una fake news sul ritiro dell’ordinanza. La governatrice della Calabria ha tenuto a precisare: “Sta circolando un documento falso. Nessuna ordinanza è stata ritirata”. Nel post pubblicato sulla pagina ‘Facebook’ di Jole Santelli campeggia l’hashtag #riparticalabria.