Università Bicocca nella Top 10 dei migliori posti dove lavorare

Risultato di prestigio per l'Università Bicocca di Milano, inserita all'ottavo posto nella classifica dei migliori posti in cui lavorare in Italia

Bicocca di Milano

L’Università Bicocca di Milano è stata inserita all’ottava posizione nella classifica Italy’s Best Employers 2021, che mette in fila i migliori posti in cui lavorare nel nostro Paese.

La graduatoria, stilata dalla piattaforma digitale tedesca Statista che si occupa di elaborazione dei dati, è il risultato di un sondaggio condotto durante l’estate del 2020. Nel corso dei mesi estivi sono state prese in considerazione oltre 650 mila risposte da parte dei dipendenti contattati da Statista: i dati hanno portato alla creazione di una graduatoria mondiale di 400 posizioni e 20 aree di attività.

L’Università Milano-Bicocca ha conquistato l’ottavo posto nella classifica generale dei migliori posti in cui si lavora meglio in Italia: all’ateneo del capoluogo lombardo è stato assegnato un punteggio di 8.68 nel ranking globale. In prima posizione, con un punteggio di 9.26 punti, troviamo Heineken, seguita da Banca d’Italia e da Costa Crociere, rispettivamente con 8.92 e 8.83 punti totali.

La Bicocca, inoltre, ha raggiunto il gradino più alto del podio nella graduatoria chiamata “Educazione e ricerca“. Un risultato prestigioso per l’ateneo milanese, protagonista di un nuovo studio che potrebbe aver risolto dopo 500 anni il giallo legato alla morte di Raffaello Sanzio.

Il risultato di prestigio raggiunto dall’Università Bicocca di Milano, ottava nella classifica dei migliori posti in cui lavorare in Italia, è il frutto dello sforzo collettivo e dell’impegno messo in atto da tutti i dipendenti che lavorano all’interno dell’università, compresi i docenti e anche gli studenti. Il lavoro ha assunto un ruolo ancora più importante in un momento particolare e delicato per il Paese, che continua a dover fronteggiare i disagi causati dalla pandemia globale.

Milano-Bicocca, inserita alla posizione numero 12 della classifica delle università italiane secondo l’NTU Ranking, sin dai primi mesi in cui è iniziata la diffusione del Coronavirus si è impegnata subito per attivare la formazione a distanza di tutti i corsi di laurea, garantendo didattica e ricerca continua.

Il sondaggio condotto da Statista mostra come un posto di lavoro all’interno delle università sia sempre ben considerato da tutti i dipendenti degli atenei, tra i quali rientrano anche i professori e i ricercatori. Nella classifica globale di Statista, nelle prime cento posizioni, figurano ben 17 tra le migliori università d’Italia, a partire proprio da Milano-Bicocca.

La classifica delle migliori università dove lavorare in Italia

  • #1 Università degli Studi di Milano-Bicocca
  • #2 Università degli Studi di Pavia
  • #3 Scuola Normale Superiore
  • #4 Politecnico di Torino
  • #5 Scuola Superiore Sant’Anna
  • #6 Università degli Studi di Padova
  • #7 Università Politecnica delle Marche
  • #8 Università degli Studi di Perugia
  • #9 Università di Pisa
  • #10 Università degli Studi di Bologna
  • #11 Politecnico di Milano
  • #12 Consiglio Nazionale delle Ricerche
  • #13 Università degli Studi di Milano
  • #14 Università degli Studi di Firenze
  • #15 Università degli Studi di Roma La Sapienza
  • #16 Università degli Studi di Napoli Federico II
  • #17 Università degli Studi di Salerno