Gli chef più citati sui media italiani? Cracco e Bottura

Negli ultimi sei mesi più di 2mila volte sono stati citati gli chef Cracco e Bottura sui media, tra nuove aperture e premi

Carlo Cracco Chef tra i più citati sui media italiani

Gli chef più citati sui media italiani? Sono Carlo Cracco e Massimo Bottura.

A fare un’analisi Mediamonitor.it che ha utilizzato una tecnologia sviluppata da Cedat 85 per monitorare oltre 1500 fonti di informazione tra carta stampata, siti di quotidiani, radio, tv e blog.

Quello che emerge è che Cracco e Bottura hanno ricevuto più di 2000 citazioni a testa nel corso degli ultimi sei mesi, ovvero da inizio marzo 2018 al 27 settembre.

Carlo Cracco ha da poco aperto il nuovo ristorante a Milano in Galleria Vittorio Emanuele, locale che ha sostituito quello precedente che si trovava in via Victor Hugo. Cinque piani con bar, enoteca e ristorante, ma anche salone per gli eventi e laboratorio di pasticceria. Inoltre lo chef, che è diventato noto al grande pubblico per aver fatto parte della giuria di Masterchef, ha annunciato l’esordio su Netflix in “The Final Table”. Classe 1965, si è aggiudicato ben 2194 citazioni.

Massimo Bottura, però, lo tallona a breve distanza. Chef del ristorante tre stelle Michelin (e cinque cappelli nella Guida Espresso 2019Osteria Francescana di Modena, che è stato anche per due volte primo classificato della prestigiosa lista dei World’s 50 Best Restaurants, stilata da una giuria composta da esperti di tutto il mondo. L’ultima volta sul primo gradino del podio proprio quest’anno a giugno. In sei mesi è arrivato a 2114 citazioni.

Un vero e proprio simbolo nella sua regione, tanto che a breve verrà celebrato nella sua città natale in occasione di “Sciocola’”. Il festival dedicato al cioccolato artigianale si terrà a Modena dal 1 al 4 novembre e in quella occasione sarà realizzato un monumento che ricalca quello statunitense del Monte Rushmore. Con qualche differenza, infatti al proposto dei volti di quattro presidenti americani ci saranno quelli delle personalità che hanno fatto grande la città: Massimo Bottura, Enzo Ferrari, Luciano Pavarotti e Vasco Rossi. La particolarità golosa sta nel fatto che la scultura sarà realizzata utilizzando 800 chili di cioccolato.

Il terzo e il quarto posto della classifica di Mediamonitor.it sono occupati invece rispettivamente da Antonino Cannavacciulo e Alessandro Borghese. Quinto posto per lo Chef Rubio.

In basso nella classifica anche chef pluristellati come Enrico Crippa di Piazza Duomo ad Alba: tre stelle Michelin e cinque cappelli sulla Guida Espresso 2019. Per lui “solo” 633 citazioni.