Carlo Cracco apre un bistrot a Milano e il posto è già famoso

"Carlo e Camilla in Duomo" ha aperto nella location storica per lo chef di via Hugo. Il nuovo locale milanese è un bistrot

carlo cracco bistrot milano

Si chiama “Carlo e Camilla in Duomo” e ha aperto i battenti nel corso del mese di aprile 2019 a Milano: si tratta di un locale molto atteso perché porta la firma di uno degli chef più famosi in Italia e nel mondo.

Una carriera sempre sulla cresta dell’onda, nonostante abbia perso una stella, divisa tra alta cucina e apparizioni come giudice in programmi televisivi del calibro di Masterchef. Stiamo parlando di Carlo Cracco che ha aperto un bistrot a Milano. La location scelta è già nota per gli amanti della cucina dello chef, infatti il nuovo spazio ha visto la luce in via Hugo, in centro vicino al Duomo, dove per anni è stato protagonista con il suo ex ristorante.

La notizia è stata annunciata dallo stesso Cracco a Tgcom24 durante Identità Golose, al sito aveva dato anche una data approssimativa. Data che poi è arrivata con l’inaugurazione del bistrot metropolitano aperto dalla prima colazione e fino alla cena.

Quella di aprire bistrot è una scelta che pare sempre di più prendere piede tra i grandi chef, che optano per  questa tipologia di locali per fare in modo che la loro cucina sia accessibile ad un pubblico più vasto.

Antonino Cannavacciuolo, ad esempio, ne ha fondati ben due (uno a Novara e uno a Torino), ha dato vita a una bakery e poi è stato protagonista del taglio del nastro di “Antonino: Il Banco di Cannavacciuolo”, ovvero un punto vendita di gastronomia  nell’outlet Vicolungo The Style Outlets che si trova vicino a Novara.

Ora arriva anche Cracco, che con questo nuovo bistrot è arrivato a quota quattro locali. Il ristorante di lusso in Galleria Vittorio Emanuele, “Carlo e Camilla in Segheria” e “Garage Italia Customs” uno spazio che unisce alta cucina e motori, che vede tra i suoi fautori, oltre allo chef, anche Lapo Elkann. Ma proprio quest’ultimo locale recentemente è passato tutto nelle mani di Elkann che continuerà però a collaborare con lo chef per eventi specifici.

Tutti locali differenti e unici per le loro caratteristiche. Se il ristorante in galleria Vittorio Emanuele propone un servizio che spazia dal bistrot – caffè al primo piano, fino al ristorante e la sala per gli eventi, “Carlo e Camilla in Segheria”, oltre a ristorante, è cocktail bar.

E ora “Carlo e Camilla in Duomo” in quegli spazi che lo hanno visto diventare lo chef tanto apprezzato che è oggi.

carlo camilla in duomo