Calabria, le scuse di Easyjet dopo la gaffe su mafia e terremoti

La scheda su Lamezia Terme sul sito di EasyJet parlava di mafia e terremoti e ha attirato varie critiche da parte dei calabresi: ecco gli sviluppi del caso

Calabria, le scuse di Easyjet dopo la gaffe su mafia e terremoti

In queste ore EasyJet è finita nell’occhio del ciclone per una pubblicità offensiva che il sito della compagnia aerea low cost ha dedicato allo scalo di Lamezia, in Calabria, tanto che la stessa EasyJet ha dovuto scusarsi ufficialmente.

Cosa ha scritto EasyJet sulla Calabria

Sul portale della compagnia aerea, alla voce “Lamezia”, sede del principale aeroporto della Calabria, fino a poche ore fa si poteva leggere il seguente messaggio: “Per un assaggio autentico della vivace vita italiana niente di meglio della Calabria. Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti e la mancanza di città iconiche come Roma e Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram”.

Le scuse di EasyJet alla Calabria

Le parole utilizzate da EasyJet sulla Calabria, divenuta la casa dei cavallucci marini grazie al suo mare pulito, hanno fatto rapidamente il giro del web, attirando numerose critiche.

Su ‘Facebook’, la compagnia aerea si è quindi scusata così: “EasyJet si scusa apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria per la descrizione contenuta nella scheda informativa all’interno del sito. L’intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico. La Calabria è una terra per noi molto importante, che amiamo e che promuoviamo da sempre con numerosi voli su Lamezia Terme. Ne è una dimostrazione anche il fatto che il primo volo del 15 giugno – che coincide con il ripristino delle operazioni post lockdown – è stato quello verso l’aeroporto di Lamezia Terme. Abbiamo provveduto immediatamente a rimuovere il testo in questione e avviato un’indagine interna per capire l’accaduto e fare in modo che non accada mai più”.

La scheda informativa pubblicitaria contestata è stata sostituita da un’altra versione, in cui si può leggere: “Lamezia Terme si trova nel cuore del Mediterraneo. Grazie alle sue attraenti insenature, candide spiagge incontaminate, meravigliosi paesaggi montani e alpini, è una destinazione perfetta per le vostre vacanze. Le zone circostanti sono tutte da scoprire, dai templi greci, romani e normanni ai palazzi borbonici. Se siete alla ricerca del riposo più assoluto, c’è una stazione termale molto famosa a Caronte con sorgenti naturali calde”.

E poi: “La cucina locale è ricca e gustosa, e si basa essenzialmente su verdure essiccate e marinate, tonno rosso, pesce spada e salsicce piccanti. Essendo uno dei maggiori produttori al mondo di nocciole e agrumi, non potete proprio rinunciare ai deliziosi dolci tipici. Se siete appassionati di shopping, Lamezia Terme non vi deluderà. La cittadina di Sant’Eufemia è famosa per il suo fulcro commerciale in Piazza Italia. A Siambiase e Nicastro si tiene periodicamente un mercato e ci sono numerosi negozi nei pressi di Nicastro”.

La scheda prosegue così: “Lamezia Terme è un posto favoloso che vale la pena visitare in qualsiasi periodo dell’anno. In inverno le temperature sono più miti rispetto agli altri paesi europei; in primavera e in autunno il tempo è perfetto per uscite fuori porta, mentre in estate si raggiungono addirittura temperature di 35 gradi! È sempre il momento giusto per visitare questa città meravigliosa“.

La reazione dei calabresi alla gaffe di EasyJet

Tra le posizioni più dure in merito al caso EasyJet c’è quella assunta dalla governatrice della Regione Calabria Jole Santelli, intervenuta sulla vicenda con un post pubblicato su ‘Facebook’.

Questa la sua reazione: “La descrizione che EasyJet fa della Calabria è offensiva, distorta e dal chiaro sapore razzista. I calabresi meritano rispetto. Prendiamo atto delle scuse pubbliche della compagnia aerea, che ha provveduto a modificare il testo originariamente apparso sul sito. Credo che il modo migliore per rimediare a una gaffe senza precedenti, sarebbe quello di incrementare in modo considerevole i voli per consentire ad ancora più turisti di scoprire le infinite meraviglie di una terra che stupisce e merita solo di essere ammirata”.