Burger King Italia lancia la prenotazione dei tavoli

Burger King lancia la prenotazione dei tavoli attraverso un'applicazione: è la prima azienda del settore dei fast food a intraprendere questa strada

 

Burger King

I ristoranti italiani, dopo il lockdown, stanno studiando nuovi metodi per ripartire e assicurare la sicurezza dei propri clienti durante la fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

Tra questi c’è anche Burger King: la catena di ristoranti fast food ha deciso di lanciare la prenotazione dei tavoli nei suoi punti vendita in Italia. Si tratta di una scelta epocale da parte dell’azienda statunitense che diventa la prima del settore a intraprendere questa strada.

La decisione è stata presa per mantenere la voglia di condivisione che si respira nei locali di Burger King anche nel corso della fase 2 dell’emergenza Coronavirus, permettendo ai clienti di vivere un’esperienza contactless.

Le modalità di prenotazione dei tavoli di Burger King sono attualmente in fase di test: l’attività prenderà il via a pieno regime durante l’estate. L’app della catena di fast food diventa uno strumento fondamentale che permette ai clienti di prenotare, ordinare e pagare i menù per mangiarli all’interno dei ristoranti prenotando un tavolo, quando sarà possibile l’apertura al pubblico.

La nuova attività di prenotazione dei tavoli comporta, per il marchio statunitense, ulteriori costi importanti, oltre a quelli relativi a termoscanner, dispenser di sanificante, barriere di plexiglass e procedure di distanziamento, guanti, mascherine.

Nei giorni scorsi, Burger King ha riaperto oltre 40 dei 220 ristoranti sparsi in Italia per effettuare le consegne a domicilio. Nei prossimi giorni, invece, tocca alle 114 corsie dei drive through sparsi su tutto il territorio che permettono ai clienti di ordinare e ritirare il cibo direttamente dalla propria auto.

Dopo la quarantena, con la riapertura delle fabbriche e degli uffici in tutta Italia, saranno molti i lavoratori che usciranno da casa per recarsi sul luogo di lavoro. Nella maggior parte dei casi, saranno auto, moto, bici i mezzi di trasporto più sicuri per garantire l’assenza di contatti ravvicinati tra le persone.

Quella del drive è una modalità molto apprezzata dai consumatori italiani, perché rappresenta una tecnologia sicura e in grado di consentire il distanziamento sociale. Il metodo del drive, inoltre, è stato messo a disposizione da Burger King alle Regioni e ai Comuni italiani che possono utilizzarlo per servizi ai cittadini come la distribuzione di materiale, test e tutto ciò che ha bisogno di una fila ordinata senza la necessità di scendere dall’auto.