Birra dell'anno 2020: i vincitori

Trionfo del birrificio Ritual Lab di Formello al concorso Birra dell'Anno 2020 dedicato al mondo delle birre artigianali

Birra

La cerimonia di premiazione di Birra dell’Anno 2020, il più importante riconoscimento dedicato alla birra artigianale, ha visto il trionfo del birrificio Ritual Lab.

La birra creata da Roberto e Giovanni Faenza, padre e figlio, è stata votata come la migliore dell’anno nel corso della quindicesima edizione della manifestazione. Il birrificio Ritual Lab di Formello, in provincia di Roma, è nato come laboratorio nel 2011 e in dieci anni di sperimentazioni e passione per la birra, ha raccolto i frutti del duro lavoro.

All’evento Birra dell’anno 2020 hanno partecipato 301 concorrenti divisi in 42 categorie per aggiudicarsi il super premio organizzato da Unionbirrai, l’associazione di categoria dei produttori artigianali. Nel 2019 a vincerlo è stato Mukkeller. La manifestazione è andata in scena a Rimini, dopo più di 100 giudici sono stati sottoposti alla degustazione alla cieca delle birre in gara, nei giorni precedenti alla fiera di settore Beer&Food Attraction.

Alla manifestazione, ad ogni stile di birra è stata dedicata una categoria con un podio. Il medagliere completo di oro, argento e bronzo ha contribuito a stilare il punteggio dei vincitori. Secondo il regolamento, sono stati assegnati 6 punti per ogni primo posto ottenuto, 3 per ogni piazzamento in seconda posizione e 1 per ciascun terzo posto.

I giudici hanno considerato i i piazzamenti delle migliori tre birre iscritte da ogni produttore in tre differenti categorie. A spuntarla è stato il birrificio Ritual Lab che si è aggiudicato il titolo di Birrificio dell’Anno 2020. In seconda posizione troviamo il birrificio Cr/Ak di Campodarsego  in provincia di Padova che aveva accumulato punti in diverse categorie, piazzandosi nelle prime tre posizioni della sezione NEIPA.

Sono tre le birre che hanno permesso a Ritual Lab di sbaragliare la concorrenza: la Head Space nella categoria Modern Pal Ale, la Black Belt in quella Oatmeal Stout e la Papanero nella sezione Imperial Stout.

Nata nel 2011 a Formello, in provincia di Roma, quella di Ritual Lab è una realtà artigianale che pone la massima attenzione alla freschezza e alla qualità delle materie prime per raggiungere l’eccellenza in campo brassicolo.

Il birrificio laziale, nel corso degli anni, ha manifestato un grande rispetto per la tradizione, volgendo allo stesso tempo la sguardo verso le nuove tecniche produttive. Le birre prodotte sono non filtrate, non pastorizzate e senza l’aggiunta di alcun additivo: birre di carattere che hanno conquistato i giudici del concorso per il miglior birrificio dell’anno.