Arezzo si trasforma nella capitale europea dei matrimoni

A giugno 2019 la città toscana ospiterà la prossima Exotic Wedding Planning Conference, incontro tra professionisti da 50 Paesi diversi

arezzo capitale europea matrimoni

Arezzo si trasformerà nella capitale europea dei matrimoni: la città toscana infatti è stata scelta come sede per la prossima EWPC (Exotic Wedding Planning Conference) un appuntamento di carattere mondiale dedicato agli operatori del settore.

Tre giorni (dal 2 al 4 giugno 2019) che nascono grazie all’accordi che la Fondazione Arezzo Intour ha stretto con Exito Media Concepts Private Ltd. Si tratta, quest’ultima, di una società indiana che crea rete intorno a tutto ciò che concerne il mondo dei matrimoni.

E quindi sarà la città toscana ad ospitare la prossima EWPC dove si incontreranno i più quotati wedding planner provenienti da tutto il mondo, nello specifico da ben 50 Paesi diversi.

Le precedenti edizioni si sono svolte, per ricordarne qualcuna, a Dubai, Goa in India e Barcellona. Ora il testimone passa alla città toscana.

Un’occasione importante e una vetrina di livello anche per raccontare le tipicità della Toscana e dello stile italiano a coloro che progettano il giorno più importante della vita per le coppie. E sarà anche il momento ideale per presentare “Arezzoweding” ramo della neonata DMO ovvero l’ente per la gestione della destinazione turistica, che avrà come scopo quello di riunire e proporre i servizi di tutti coloro che operano nel settore.

Marcello Comanducci, presidente della Fondazione Arezzo Intour, ha spiegato come siano sempre più numerosi gli stranieri che decidono di venire in Italia e in Toscana per dire “sì”. Secondo i numeri, di questo business in continua crescita, sembra che il 36 per cento di coloro che dall’estero vengono a sposarsi in Italia scelga proprio la regione Toscana.

“Per questo che, all’interno della Fondazione Intour, abbiamo costituito una “business unit” che si occuperà di coordinare i professionisti del wedding per entrare nel mercato in modo professionale e ben strutturato – ha affermato – . Ecco allora che l’EWPC rappresenta un’opportunità unica per presentare la nostra città e questo settore”. Arezzo è riuscita ad essere scelta come prossima capitale europea per ospitare il meeting confrontandosi anche con altre città. “Non è stato facile sostenere la candidatura ha concluso Comanducci –  nei confronti di quella proposta da altre metropoli europee, ma grazie a un lavoro serrato, siamo riusciti a portare a casa questo meeting”.

La tre giorni è realizzata da Exito insieme alla Fondazione Arezzo Intour e in collaborazione con la Fondazione Guido d’Arezzo, il Comune di Arezzo e la Camera di Commercio.

Pubblica un commento