Da Milano a Malpensa in 10 minuti col treno Hyperloop

Si studia la possibilità di adottare la tecnologia del treno super veloce capace di raggiungere la velocità di oltre mille chilometri orari

Treno

Un treno capace di percorrere la distanza da Milano a Malpensa in 10 minuti alla velocità di mille chilometri orari: Fnm sta studiando il progetto del treno Hyperloop.

I gestori del trasporto ferroviario sul Malpensa Express hanno mandato una lettera di intenti alla società che si occupa dello studio dei treni super veloci: ci sono sei mesi di tempo per proporre e presentare un piano che si annuncia già rivoluzionario.

Il treno super veloce è stato progettato da Elon Musk ed ha capsule in grado di viaggiare ad oltre mille chilometri all’ora, grazie alla presenza di magnati all’interno di un tubo dove la densità dell’aria è sensibilmente minore rispetto a quella dell’atmosfera. Sarebbe il mezzo di trasporto ideale per accorciare i tempi di percorrenza da Milano all’aeroporto di Malpensa.

La macchina organizzativa si è già messa all’opera: il consiglio di amministrazione di Fnm ha dato mandato al presidente Andrea Gibelli di sottoscrivere una lettera d’intenti con Hyperloop Italia per uno studio di fattibilità sulla Cadorna-Malpensa. Ad annunciarlo è stato proprio Gibelli in occasione di un incontro con la stampa avvenuto nella sede del Gruppo in Piazzale Cadorna, a Milano.

Qualora venisse realizzata, si tratterebbe di un’opera colossale. Al momento il ruolo di Fnm è quello di valutare la tecnologia del treno super veloce Hyperloop, ci cui negli ultimi mesi sono stati definiti gli standard da parte dell’Unione Europea. Stando alle prime proiezioni, con la nuova tecnologia sarà possibile coprire la tratta che va da Milano all’aeroporto di Malpensa in 10 minuti: un tempo irrisorio rispetto ai 40 minuti dei treni attuali.

Il costo stimato per l’infrastruttura del treno super veloce può variare dai 20 ai 40 milioni di dollari per ogni chilometro. Lo studio di fattibilità fra Fnm e Hyperloop ha la durata di sei mesi. Esiste già un prototipo a Tolosa: l’esemplare è lungo 32 metri, è stato realizzato per il 90% in fibra di carbonio, è in fase di collaudo ed assemblando e in attesa della certificazione da parte dell’Unione Europea.

Qualora il piano dovesse essere portato avanti, l’Italia diverrebbe il primo network al mondo con la tecnologia Hyperloop. Il prossimo passo sarà valutare la fattibilità dell’opera dal punto di vista normativo e ambientale.