Il Tesoro di Alarico è in Cilento? Sfida alla Calabria

Il Cilento sfida la Calabria: secondo alcuni studiosi il tesoro di Alarico non si troverebbe nel fiume Busento vicino Cosenza ma nel Bussento di Policastro

Policastro Bussentino

Una tesi sostenuta da alcuni studiosi mette “contro” il Cilento e la Calabria: il sepolcro di Alarico, col suo “tesoro”, potrebbe trovarsi proprio nel Cilento e non nei pressi di Cosenza, dove scorre il fiume Busento, come sempre creduto.

Chi era Alarico

Alarico era un famoso re goto, il primo che riuscì a mettere a sacco la Roma imperiale nel 410 d.C.. Il re si fece consegnare tutte le ricchezze di Roma e la mano di Galla Placidia, figlia dell’imperatore Teodosio.

Morì a causa di una febbre acuta e fu sepolto in tenuta di guerra col suo cavallo e con i tesori dei templi pagani che Alarico era solito svuotare sistematicamente. Stando ai versi del poeta August von Platen, tradotti da Giosuè Carducci, la tomba di Alarico si troverebbe, come detto, nel fiume Busento vicino Cosenza, in Calabria. Alcuni studiosi, però, non sono d’accordo.

Il tesoro di Alarico si trova in Cilento?

Lo scrittore, storico e numismatico Angelo Raffaele Amato, nel suo libro ‘Il tesoro di Alarico‘, tenta di dimostrare l’ipotesi che il sepolcro del re goto si trovi in Cilento e non in Calabria.

Amato riporta la tesi che il professore Don Luigi Tancredi, studioso di storia, ha esposto nel testo ‘Alarico, re dei Visigoti – La localizzazione del sepolcro e del tesoro‘: secondo questa teoria il sepolcro potrebbe trovarsi nel Bussento di Policastro e non nel fiume Busento. Alla base del “cambio di location” ci sarebbe un errore da parte dei copisti, che si sarebbero persi per strada una “s”.

Per l’esperto c’è anche una spiegazione storica che proverebbe l’inesistenza del sepolcro nei pressi di Cosenza e che, quindi, avvalorerebbe la sua tesi: Alarico, secondo questa teoria, non avrebbe avuto alcun interesse a spingersi fin lì dal momento che era a corto di armamenti e non avrebbe potuto far alloggiare il suo esercito.

Ciò, invece, sarebbe stato possibile nell’ampia valle compresa tra il Bussento e il Mingardo. La zona in questione, nota per la sua fertilità, sarebbe stata percorsa dai Visigoti per dirigersi verso sud e sarebbe stata un’area perfetta per lo stanziamento di un esercito. L’obiettivo dei Goti sarebbe stato quello di imbarcarsi per la Sicilia e, da lì, raggiungere l’Africa.

Allo stato attuale, gli scavi realizzati nell’area di Policastro e Mingardo non hanno confermato la tesi degli esperti che ritengono che il tesoro di Alarico si trovi nel Cilento e non in Calabria.