Questo sito contribuisce all’audience di

Virgilio InItalia

In vendita la Tangenziale Esterna di Milano: fissato il prezzo

A Milano è in vendita la Tangenziale Esterna: ci sarebbero già diversi potenziali acquirenti interessati al tratto autostradale che circonda la città

Tratto autostradale

La Tangenziale Esterna di Milano è in vendita: stando a quanto riferito dal Corriere della Sera, Aspi e il gruppo della Famiglia Gavio hanno dato mandato a Mediobanca, Intesa Sanpaolo-Imi e UniCredit di trovare dei compratori interessati al loro pacchetto azionario che vale circa il 65%.

Quanto costa la Tangenziale Esterna di Milano

Il pacchetto azionario messo sul mercato assicura il controllo dell’autostrada che si estende per 32 chilometri da Agrate a Melegnano-Cerro al Lambro. Il processo che porterebbe alla vendita della Tangenziale Esterna di Milano dovrebbe partire in breve tempo: la valutazione della società si aggirerebbe intorno a una cifra vicina ai due miliardi di euro.

La somma è il frutto della lunga durata residua della concessione, valevole fino al 2026, e degli elevati volumi di traffico generati dal tratto autostradale. Solo nel 2022, per esempio, sono transitati 23,5 milioni di veicoli paganti per la Tangenziale Esterna di Milano: un incremento del 10,8% in più rispetto al 2021 e del 2% in più rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia di Covid-19.

I sondaggi sul mercato non sono ancora iniziati in maniera ufficiale ma stando alle prime indiscrezioni che cominciano a circolare, ci sarebbero già diversi soggetti interessati a rilevare le quote di maggioranza della A58 di Milano, eletta la città più amata dai buongustai.

La storia della Tangenziale Esterna di Milano

La Tangenziale Esterna di Milano, conosciuta anche come Tangenziale Est o TEEM, è ufficialmente l’autostrada A58: gestita dalla società Tangenziale Esterna S.p.a., è la seconda tangenziale est del Capoluogo Lombardo, tra le città candidate a ospitare gli Europei del 2032 in Italia e Turchia. Insieme alla A50 (tangenziale Ovest) alla A51 (tangenziale Est) e alla A52 (tangenziale Nord) forma il più esteso sistema italiano di tangenziali intorno a una città, per un’estensione totale di 100 km.

Il percorso della Tangenziale Esterna di Milano si sviluppa da Agrate a Cerro Al Lambro: il tracciato è realizzato interamente in carreggiate separate a tre corsie per senso di marcia. Dei 32 chilometri lungo i quali si sviluppa questo tratto autostradale, 20,2 chilometri sono a raso o in leggero rilevato, 8,7 chilometri sono in trincea, poco più di 2 chilometri sono in viadotto e un chilometro è in galleria.

Gli svincoli totali della TEEM sono 10: di questi 3 sono autostradali (gli allacciamenti A1, A4 e A35) e 7, invece, sono di connessione con la viabilità locale. Il tracciato della Tangenziale Esterna è stato elaborato in maniera da permettere limiti di velocità fino a 140 chilometri orari: questo obiettivo è stato raggiunto tramite particolari accorgimenti nella progettazione di curve ad ampio raggio.

In principio il progetto preliminare della Tangenziale Esterna che circonda Milano, inserita nella classifica delle città più pericolose d’Italia, prevedeva un costo di 1,6 miliardi di euro per la realizzazione dell’infrastruttura: nell’investimento è stato previsto un contributo pubblico a fondo perduto pari a 330 milioni di euro da parte della Cassa depositi e prestiti

Il primo cantiere è stato aperto l’11 giugno del 2012, mentre il 23 luglio del 2014 è stata aperta l’intera tratta della A35 e con essa il primo tratto della Tangenziale Esterna denominato “Arco TEEM“. L’intero tracciato completo è stato invece aperto il 16 maggio del 2015.