Scoperta a Roma l'antica Fornace di Trastevere

Scoperta in zona Trastevere un'antica fornace: i resti rappresentano quello che rimane del più antico laboratorio produttivo della città

Scoperta a Roma la Fornace di Trastevere

Ancora un ritrovamento sotto il suolo di Roma: nella zona di Trastevere è stata da poco scoperta un‘antica fornace.

I resti, scoperti nel nel giardino settecentesco di Palazzo Corsini, sede dell’Accademia dei Lincei, rappresentano di fatto il più antico laboratorio produttivo nel cuore della città. Tra gli oggetti scovati, ci sono una serie di oggetti da cucina e da mensa e piccole lucerne che tutte insieme raccontano una storia lunga secoli almeno dal I al V d.C. Poco distante, anche un deposito di anfore usate probabilmente per il trasporto dell’olio e per il drenaggio dell’acqua.

Il ritrovamento è stato definito “unico” nel suo genere dal soprintendente Francesco Prosperetti, dal funzionario archeologo Renato Sebastiani e dall’archeologo Paolo Sommella: ad oggi, infatti, non si conosceva l’esistenza di una fornace all’interno della città antica. La costruzione muraria è la testimonianza più autentica della vitta lavorativa e produttiva dell’antica Roma, una città la cui economica si basava sull’artigianato e sulla lavorazione di materiali provenienti dai quattro angoli dell’impero.

La scoperta mette alla luce anche il tipo di lavorazione che veniva effettuato nella fornace, e che doveva essere molto sofisticato. Attaccato al muro in laterizio c’è infatti una sorta di canale composto da due pareti parallele, che probabilmente serviva per canalizzare l’acqua che scendeva dal Gianicolo verso il Tevere. La presenza di materiali di scarto di blocchi di concotto con strato di rivestimento vetroso fa pensare inoltre pensare che fosse praticata anche l’invetratura della ceramica, trasformando quindi materie prime in preziosi oggetti di lusso per le case dei ceti più abbienti.

L’indagine è iniziata con un sondaggio di archeologia preventiva nell’aprile del 2018, ed è proseguita da febbraio con uno scavo stratigrafico che ha portato al ritrovamento della fornace. Visti i risultati, sono state già programmate una nuova serie di indagini intorno all’area già scavata per verificare l’ampiezza del sito e ampliare il quadro di ritrovamenti.

I resti saranno coperti con materiale protettivo e presto nuovamente interrati per essere protetti dagli agenti atmosferici. Intanto la Soprintendenza sta lavorando ad una mostra, che potrebbe essere inaugurata dal Presidente Mattarella il 20 giugno 2019 in occasione della sua annuale visita ai Lincei.

Pubblica un commento