Roma, usa drone e lo fa cadere nel Colosseo: turista denunciato

Un turista polacco è stato denunciato per aver utilizzato un drone e averlo fatto cadere all'interno del Colosseo: l'uomo ha violato il divieto di sorvolo

Roma, usa drone e lo fa cadere nel Colosseo: turista denunciato

Un turista di nazionalità polacca è stato denunciato dalla Polizia Locale per aver utilizzato un drone all’interno del Colosseo e averlo fatto cadere su una delle gradinate dell’iconico monumento di Roma.

Nella mattinata di lunedì 14 settembre, gli agenti del GSSU (sigla che sta per Gruppo Sicurezza Sociale Urbana), durante uno dei loro quotidiani servizi volti al contrasto dell’abusivismo commerciale, hanno sequestrato all’interno del Colosseo un drone di proprietà di un cittadino di nazionalità polacca di 50 anni.

Nonostante fosse stato invitato dal personale addetto al controllo dei biglietti a non usare il dispositivo all’interno dell’Anfiteatro Flavio, il turista, stando alla ricostruzione dei fatti riportata da ‘Ansa’, lo ha azionato. I responsabili alla sicurezza hanno così contattato la Polizia Locale perché l’apparecchio, pochi secondi dopo essere stato azionato, è caduto su una delle gradinate del monumento. I reperti archeologici presenti all’interno del Colosseo non hanno riportato alcun danno, così come nessuna persona è rimasta ferita in seguito alla caduta del drone.

Il turista polacco proprietario del dispositivo, al termine delle procedure di identificazione, è stato denunciato per il mancato rispetto del divieto di sorvolo in vigore su Roma.

Non è la prima volta che una persona viene denunciata per l’utilizzo di un drone al Colosseo a Roma: nell’ottobre 2019, per esempio, a essere denunciato era stato un turista russo di 35 anni, in Italia con moglie e figlio. In quell’occasione, l’uomo era stato individuato tra la folla mentre faceva volare l’apparecchio sopra l’Anfiteatro Flavio. Una pattuglia del I Gruppo Trevi della Polizia Locale di Roma lo ha bloccato e accompagnato al Comando di via della Greca, dove è stato denunciato anche lui per il mancato rispetto del divieto di sorvolo sulla Capitale.

Dopo il lockdown forzato dovuto all’emergenza Covid-19 in Italia, il Parco del Colosseo ha riaperto il 1° giugno 2020, con nuovi orari d’ingresso, nuovi biglietti e nuove rigorose misure di sicurezza.

La pandemia di Coronavirus ha causato forti perdite alla città di Roma (ma non solo) in termini di turismo: nella Capitale d’Italia sono stati stimati ben 9,9 milioni circa di presenze di turisti in meno e 2,3 miliardi di consumi dei viaggiatori andati in fumo.