Roma tra le città più green al mondo: la classifica in Italia

La Capitale d'Italia figura nella Top 10 delle città più green al mondo, ma non è quella che investe di più nel verde urbano

Roma tra le città più green al mondo: la classifica in Italia

Roma figura nella Top 10 delle città più green al mondo, ma non è quella che investe di più per il verde in Italia.

Il Green City Index, utilizzato dall’agenzia olandese TravelBird, prende in considerazione il verde realizzato da mano umana (come i parchi e i giardini pubblici), il verde naturale (come le foreste preservate) e il verde per la produzione di cibo (dagli orti urbani alle vigne, passando per i cortili adibiti alla produzione di frutta e verdura).

L’analisi, che ha preso in considerazione 50 città diverse del mondo, tiene conto dell’estensione del verde cittadino in metri quadrati disponibili per abitante.

Le altre città nella top 10 delle città più verdi al mondo sono Riga (la capitale della Lettonia è decima), Amburgo, Berna, Praga, Sydney, Goteborg, Bratislava (sul gradino più basso del podio), Auckland (in seconda posizione), Reykjavik (la capitale dell’Islanda è la città più verde al mondo).

Per quanto riguarda l’Italia, il rapporto Openpolis ha verificato, oltre ai metri quadri disponibili per abitante, anche la spesa dei Comuni capoluogo di regione per il loro verde urbano. In testa a questa speciale classifica c’è Matera, capitale della Cultura 2019, che conta 990,4 metri quadrati per abitante di verde cittadino.

Nella classifica italiana, dietro alla città di Matera, ci sono Trento (399,61 metri quadrati per abitante), Sondrio (316,94), Potenza (190.95) e poi Roma (166). A chiudere la classifica, invece, sono Isernia (5,90), Trapani (5.52), Caltanissetta (4.51) e Crotone (all’ultimo posto con 3.46 metri quadrati per abitante).

La città italiana che spende di più per il verde e per la tutela ambientale è Venezia, con 53,93 euro pro capite a bilancio. In classifica seguono Bari, Bologna Milano. Poi, ci sono Firenze, Padova, Genova e Trieste. Agli ultimi due posti di questa speciale classifica ci sono invece Verona e Messina.

Le grandi città del Nord Italia e del Centro Italia, in linea generale, fanno registrare i livelli più alti di spesa (con l’eccezione della già citata Bari, al secondo posto in classifica, e di Verona, penultima con solo 8 euro pro capite). Da segnalare, poi, il fatto che Venezia e Verona, cioè due città della stessa regione, il Veneto, registrano livelli di spesa di segno opposto.