Nino Manfredi, l'appello del figlio al borgo di Castro dei Volsci

Luca Manfredi, figlio del grande Nino Manfredi, ha lanciato un appello ai cittadini del borgo di Castro dei Volsci, in provincia di Frosinone

Castro dei Volsci

Il borgo di Castro dei Volsci si è dimenticato di Nino Manfredi? Luca Manfredi, figlio del grande attore, regista, sceneggiatore, cantante, doppiatore nato proprio a Castro dei Volsci il 22 marzo 1921 e deceduto a Roma il 4 giugno 2004, ha lanciato un appello affinché il padre sia celebrato dal borgo in provincia di Frosinone, dove è passato praticamente quasi in silenzio fino a ora il centesimo anniversario della nascita.

Le iniziative per Nino Manfredi a Castro dei Volsci

Nell’ultimo Consiglio Comunale di Castro dei Volsci, l’opposizione ha richiesto che il Teatro comunale, attualmente intitolato a Vittorio Gassman, sia dedicato il prima possibile a Nino Manfredi.

Allo stesso Nino Manfredi potrebbe essere dedicato anche un monumento: si ipotizza di riprodurre la celebre figura dell’emigrante con la valigia in mano che esce dal tunnel del Sempione, come nella scena finale del film ‘Pane e Cioccolata‘.

Castro dei Volsci

L’appello di Luca Manfredi a Castro dei Volsci

Al quotidiano ‘Il Messaggero’, Luca Manfredi ha dichiarato: “Trovo per lo meno singolare che nel paese natio di mio padre, il teatro non sia dedicato a lui ma a un suo pur bravo amico e collega genovese”.

Poi il figlio di Nino Manfredi ha aggiunto: “Ho saputo, inoltre, che il Consiglio Comunale si è riunito per l’approvazione del bilancio e ha bocciato l’idea del monumento, adducendo presunti errori formali nella presentazione della proposta, non considerando la validità e il significato del progetto per la realizzazione di un ‘monumento all’emigrante’”.

Ancora Luca Manfredi: “Non sta a me entrare nelle dinamiche politiche e, in particolare, in quelle di un Consiglio Comunale, ma lancio un forte appello a tutti i Castresi, affinché si mettano da parte inutili e dannose diatribe, per il bene del paese, tanto caro a mio padre”.

La chiosa finale del figlio di Nino Manfredi: “Sono certo che, per i suoi 100 anni, sarebbe il regalo più bello, oltre a rappresentare un elemento di indubbia attrazione per i visitatori del borgo. Io e tutta la mia famiglia avremo sempre nel cuore i suoi racconti e i suoi aneddoti sulla sua infanzia nella sua terra, la Ciociaria, raccontati anche nel mio libro ‘Un friccico ner core’”.

Luca Manfredi