Dove fare colazione a Roma: migliori locali secondo Gambero Rosso

I migliori locali a Roma dove fare colazione: la selezione di Gambero Rosso

Dove fare colazione a Roma: migliori locali secondo Gambero Rosso

Chi vive a Roma può godersi una colazione coi fiocchi: la Capitale, infatti, tra caffè storici e nuovi locali con proposte all’avanguardia, garantisce un’offerta di qualità e variegata.

A selezionare i migliori locali dove fare colazione a Roma ci ha pensato ‘Gambero Rosso’, che ha stilato la sua lista. Il viaggio virtuale parte a Casa Manfredi (viale Aventino), dove il classico binomio cappuccino e cornetto è vincente. Tra i cornetti, una menzione speciale va a quello con pasta di mandorle, ma è da provare anche la veneziana sfogliata alla crema.

A Tor Marancia, una tappa inevitabile è alla pasticceria Bompiani (largo Benedetto Bompiani): qua bisogna necessariamente ordinare il danese, ricco di crema pasticcera. A piazza Fiume, Faro propone quello che ‘Gambero Rosso’ ha descritto come “il miglior caffè” della Capitale.

Regoli, in via dello Statuto nel quartiere Esquilino, è invece il “Re dei Maritozzi”, proposto sia in versione classica (con panna montata fresca) e in versione quaresimale (farcito con canditi e uvetta). Consigliati anche i maritozzi freschi di Cristalli di Zucchero, a Monteverde. Da provare, nel locale in via di Val Tellina, anche i cornetti alla crema.

Nei pressi di piazza San Cosimato, nel cuore di Trastevere, Le Levain (via Luigi Santini) propone ottimi croissant alla francese, pain au chocolat, girelle alla cannella e chausson aux pommes (fagottino alle mele). Da Santi Sebastiano e Valentino, in via Tirso, bisogna ordinare il ventaglio di sfoglia caramellato.

‘Gambero Rosso’ consiglia, poi, l’offerta dolce e salata di Grué (viale Regina Margherita), tra cornetti sfogliati (tra cui il bicolore al lampone), veneziane, pain au chocolat, girelle, muffin, crostatine, tramezzini e bottoncini ripieni.

All’interno della proposta di Nero Vaniglia, in circonvallazione Ostiense, una menzione speciale va alle bevande (tra cui il latte e menta) e ai lieviti (come cornetti, girelle e fagottini, ma anche frolle, ventagli di sfoglia e tartellette).

Croissant in stile francese da Severance, in via Eurialo: da provare quello classico alla crema, il pain au raisin (con crema, uvetta e glassa) e il pain au chocolat. Roscioli Caffè, in piazza Benedetto Cairoli, è noto ai più per i suoi maritozzi, ma altrettanto meritevoli sono i cornetti con crema pasticcera, le trecce al cioccolato, i pani dolci, le sfogliatine alle mele, le ciambelle e i bomboloni alla crema ricoperti di zucchero.

Chi cerca una torta a colazione, può far tappa a Cafè Merenda (in via Magrini) per provare la chiffon cake, adatta anche a chi è intollerante al lattosio. Brunch internazionale, invece, da Coromandel (via di Monte Giordano): in menù eggs benedict, bagel farciti, croque madame, pancakes (anche in versione salata) e frutta e yogurt con granola.

Per chi desidera optare per una colazione in stile British, l’indirizzo consigliato è Babingtons, a piazza di Spagna: qua pasticcini e frolle accompagnano la selezione di infusi, tisane e tè pregiati. Da provare anche le torte a strati farcite. Proloco Trastevere, in via Goffredo Mameli, propone invece ogni domenica il “pranzo contadino” (un brunch alternativo con specialità della bottega).

A chiudere l’elenco è Wani, indirizzo di riferimento nel quartiere San Paolo di Roma, per chi cerca una colazione vegan: consigliate la crema pasticcera al profumo di limone e la cioccolata vegana.