Nel mare di Sanremo spunta Sabina, "rarissimo Moby Dick"

Nelle Mar Ligure è stato avvistato un capodoglio soprannominato "Moby Dick" per la somiglianza alla balena protagonista del romanzo di Melville

Capodoglio Sanremo

Nel Mar Ligure è stato avvistato un capodoglio femmina che potrebbe essere Sabina, l’esemplare già identificato in queste acque con un cucciolo sia nel 2017 che nel 2020.

Avvistata Sabina, un “rarissimo Moby Dick”

Poco distante dalla costa di Sanremo è stata recentemente avvistata una femmina di capodoglio che secondo gli esperti potrebbe essere un raro esemplare albino. Maddalena Jahoda, responsabile divulgazione scientifica per il Tethys Research Institute, afferma che l’esemplare identificato qualche giorno fa nel Mar Ligure potrebbe essere Sabina, la balena già vista in queste acque sia nel 2017 che nel settembre 2020. Grazie ad innovative strumentazioni e alla collaborazione con le Università di Pavia e Foggia si è potuto stimare che l’animale sia lungo all’incirca 10 metri.

L’esemplare, soprannominato “Moby Dick” per la somiglianza alla balena protagonista del romanzo di Melville, nuotava nella zona nota come “Santuario Pelagos” che si trova tra la costa Toscana, la Liguria, la Corsica e il Principato di Monaco. Il Santuario Pelagos è un’area del Mar Mediterraneo istituita per la protezione dei mammiferi marini. Qui i capodogli possono procacciarsi uno dei loro cibi preferiti: i calamari.

Altri avvistamenti di capodogli in Italia

Nelle nostre acque non è la prima volta che vengono avvistati capodogli, balene o addirittura squali. Uno dei maggiori frequentatori dei nostri mari è Zeus, un esemplare di capodoglio che nuota nei mari italiani dal 2008 e che è stato osservato negli ultimi mesi prima nel Mar Ligure e poi nelle acque di Ischia.

Zeus non è l’unico esemplare presente nelle acque di Ischia che sono molto frequentate da delfini, balenottere e capodogli. Nell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno, infatti, a febbraio 2021 è stato visto il bellissimo capodoglio Salvatore. Identificato nella zona tra l’Isola di Ischia e Ventotene il cetaceo era già stato visto qui nel 2009 e nel 2019 e sembra, quindi, molto affezionato a queste acque.

Nel Mar Tirreno, invece, è stata recentemente identificata Wally una balena grigia lunga circa 7,7 metri, la cui presenza nei nostri mari ha destato molta curiosità. Secondo gli esperti, infatti, le balene grigie sono attualmente presenti solo nell’Oceano Pacifico e in molti, quindi, si sono chiesti come questo esemplare potesse trovarsi qui. L’ipotesi è che, dopo essere nato nel Pacifico, Wally abbia attraversato l’Oceano Atlantico e sia arrivato fino al Mar Mediterraneo.