Le 5 città in cui si vive meglio e si è più felici in Italia

Ogni anno Legambiente stila la classifica delle 5 città d'Italia in cui si vive meglio, in base alla qualità dell'aria, gestione delle acque e dei rifiuti, energia, mobilità e trasporto pubblico

Quinta classificata: Macerata

Macerata è la provincia marchigiana che più si prende cura dell’ambiente e dei cittadini. La qualità dell’aria è molto buona grazie alla bassa concentrazione di polveri sottili, le perdite nella rete idrica bassissime, ottima la percentuale della raccolta rifiuti. Unica città nella top five al di sotto del Po. Bisogna però ancora migliorare sulle quantità di auto circolanti e i pochi metri quadrati di aree pedonali.

Quarta classificata: Bolzano

Bolzano è l’unica città italiana in cui solo il 30% degli spostamenti sono effettuati con mezzi privati a motore. Grandi passi in avanti per il livello di polveri sottili, ciò dimostra che con l’impegno di può ottenere tanto, e tanto ancora si può fare. Ottima è la percentuale della raccolta rifiuti e le perdite nella rete idrica. La città è sicuramente una delle migliori sulla via ecologica!

Terza classificata: Belluno

Belluno raggiunge la terza posizione grazie a tre indici riguardanti l’inquinamento atmosferico, per i quali poche altre città hanno fatto meglio. Basso è il livello di polveri sottili, ottima la percentuale della raccolta dei rifiuti urbani e molto buono anche il trasporto pubblico. Per la bellissima cittadina alpina rimane ancora da migliorare l’elevato tasso di motorizzazione.

Seconda classificata: Trento

Trento ha delle basse medie per le polveri sottili. La città è riuscita a dimezzare la quantità di acqua dispersa nella propria rete idrica rispetto all’anno precedente. Inoltre è riuscita ad aumentare la percentuale di raccolta dei rifiuti differenziati. Non meno importante è l’ottimo risultato sul trasporto pubblico, sempre più passeggeri infatti approfittano del servizio facendo balzare la città al secondo posto della classifica. Ancora da migliorare gli alti valori di biossido di azoto e lo scarso spazio destinato ai pedoni.

And the winner is: Verbania

Prima fra tutte è la città piemontese di Verbania. Molto buoni i dati relativi all’inquinamento atmosferico, sia per le polveri sottili sia per il biossido di azoto, che le fa guadagnare punti. La raccolta dei rifiuti differenziati è ottima e di qualità. Ottiene un buon livello anche per le infrastrutture riguardanti la ciclabilità e per le aree riservate ai pedoni. Unica pecca è il dato bassissimo dell’offerta di trasporto pubblico.

» Guarda gli altri speciali editoriali!