Francesco Galdi del Dry di Milano è stato proclamato Miglior Bartender italiano

Classe 1982, cresciuto nei cafè storici torinesi e trapiantato per anni in Medio Oriente, ecco il campione del Diageo Reserve World Class

Proclamato il miglior Bar Tender d'Italia 1

Francesco Galdi del Dry di Milano è stato proclamato “Miglior Bartender d’Italia”. Il riconoscimento è stato consegnato durante la finale nazionale del Diageo Resrve World Class 2018, la competizione internazionale punto di riferimento per i lavoratori che operano nell’arte dei cocktail. L’evento richiama il gotha mondiale dei bartender internazionali.

Francesco Galdi si unirà agli altri vincitori provenienti da tutto il mondo, nella prestigiosa finale globale prevista a ottobre a Berlino.  “E’ assolutamente incredibile. Sono estremamente orgoglioso di rappresentare il mio paese in occasione della finale mondiale di World Class – ha dichiarato il vincitore con evidente emozione –  È fantastico ottenere un riconoscimento come questo e competere contro i migliori bartender del mondo”.

Proclamato il miglior Bar Tender d'Italia

Quest’anno la finale nazionale si è tenuta presso il “The Yard” di Milano, il tempio del buon bere dove si sono sfidati 8 tra i migliori bartender nazionali provenienti da tutta Italia e selezionati dagli esperti Diageo, impresa mondiale molto nota sul mercato degli alcolici che dall’alto della propria esperienza nel settore non ha avuto difficoltà a selezionare 8 miscelatori d’eccellenza, attraverso i training iniziati a settembre 2017.

I bartender si sono confrontati con i prodotti Reserve, una gamma di spirit e distillati del portfolio luxury di Diageo che comprende il gin Tanqueray No. TEN, il whisky single malt Talisker, Bulleit Bourbon, la vodka Ketel One, il rum Zacapa e il tequila Don Julio.

Proclamato il miglior Bar Tender d'Italia

Grazie alla propria creatività e notevole tecnica il neo campione è riuscito a battere gli altri contendenti dando sfoggio di bravura al bancone del locale. Per giungere alla vittoria Francesco Galdi, classe 1982, cresciuto nei cafè storici torinesi e trapiantato per alcuni anni in Medio Oriente dove è divenuto Operations Manager, ha superato brillantemente alcune difficili prove.

Tra queste lo Showdown, dove i concorrenti avevano a disposizione 6 minuti per preparare 6 cocktail classici, degli evergreen della vita notturna. Oltre alla prova di conoscenza delle tradizioni i concorrenti si sono sfidati nella Wanderlust dove era richiesta la creazione di due cocktail, uno ispirato ai sapori di casa e un altro ai gusti esotici, dedicato a un luogo visitato o che si vorrebbe visitare.

L’ultima prova, la Berlin Biography, dedicata alla capitale tedesca che ospiterà la finale mondiale di World Class prevista per il prossimo ottobre, concedeva appena 10 minuti per creare un servizio ispirato alla cultura e di Berlino.

Giunto alla sua decima edizione, la piattaforma World Class ha formato nel corso degli anni oltre 18.000 bartender in 50 paesi facendo loro da guida attraverso partnership con i migliori guru del settore beverage, editori, opinion leader e personalità di spicco del mondo lifestyle.

 

Pubblica un commento