Le detenute del carcere di Palermo attrici a teatro

Si chiama "In stato di grazia" ed è lo spettacolo realizzato dalla compagnia "OltreMura" composta da detenute della sezione femminile del carcere di Palermo, appuntamento il 20 dicembre

spettacolo teatro detenute carcere palermo

Si chiama “In stato di grazia” ed è lo spettacolo che porterà in scena una compagnia molto particolare.

L’appuntamento è per la sera del 20 dicembre 2018 presso il Teatro Biondo di Palermo, quando sul palco saliranno le detenute della sezione femminile del penitenziario Pagliarelli Antonio Lorusso.

La compagnia “OltreMura”, infatti, nasce grazie a un progetto ideato e promosso a partire dal 2015 dall’associazione culturale di promozione sociale Mosaico. Lo scopo principale è quello di fare in modo che il carcere sia un luogo di cultura e produzione teatrale . Il laboratorio nel penitenziario è permanente e nel corso degli anni ha coinvolto una settantina di donne diverse per età e nazionalità.

“In stato di grazia” è uno spettacolo diretto da Claudia Calcagnile e prende liberamente ispirazione da “La lunga vita di Marianna Ucria” romanzo di Dacia Maraini”.

Sulla scena si esibiranno circa 13 attrici tra quelle che partecipano al laboratorio, donne che studiano con passione e impegno questa arte antica.

“Marianna, madre che piange la morte del figlio, moglie che cerca la via di fuga dalla costrizione, rincorre il tentativo di andare oltre se stessa, di sentirsi altrove, per poi trovarsi nuovamente immutata, dissimile, replicabile, come carta ricalcabile – scrivono sul sito del Teatro Biondo – Le performer in scena non recitano, ma incarnano le qualità di Marianna per rilanciare al pubblico l’interrogativo su una possibile soluzione”.

Oltre allo spettacolo è nato anche un progetto fotografico “Io sono Marianna” con immagini scattate da Francesco Paolo Catalano, anche assistente alla regia e trucco. E sono tante le persone che hanno dato il proprio contributo alla realizzazione dello spettacolo.

Il progetto della compagnia teatrale “OltreMura” esce letteralmente dalle mura del carcere della città siciliana per calcare in un’unica data un palco vero e prestigioso con “In stato di grazia”. Lo scorso anno ad essere portato in scena, invece, era stato “Di quel poco e del niente” sempre nella medesima location.

Inoltre per sostenere il progetto fino al 31 dicembre 2018 è attiva una campagna di crowdfunding. Claudia Calcagnile, presidente dell’associazione Mosaico e regista, ha studiato presso la Scuola di Teatro Sociale e Arti Performative a Firenze e in seguito ha frequentato la scuola di Teatro Fisico di Philip Radice a Torino.