Effetto Coronavirus, a Venezia spunta anche un maxi polpo

Un polpo gigante è stato avvistato durante il lockdown tra i canali di Venezia, più precisamente nel Canal Grande, proprio davanti a piazzale Roma

Effetto Coronavirus, a Venezia spunta anche un maxi polpo

Il lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus sta avendo un impatto importante sui canali di Venezia. Le acque dei corsi d’acqua della città lagunare, infatti, da qualche settimana a questa parte, appaiono limpidissime, tanto da mostrare i fondali e i diversi pesci che popolano quei canali. Ma non è tutto.

Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la comparsa di una medusa tra i canali di Venezia. Non c’è stato neanche il tempo di stupirsi, però, che un’altra apparizione eccezionale nella Laguna ha iniziato a fare rapidamente il giro del web: nel Canal Grande, proprio davanti a piazzale Roma, è stato visto sostare un maxi polpo. Il video è stato pubblicato sulla pagina Facebook di Marco Sigovini.

La segnalazione del polpo tra i canali di Venezia (autori: Stefano Bandini e Damiano De Matteo) è ora oggetto di approfondimento da parte del gruppo di Ecologia del Benthos Cnr-Ismar. “È gigante“, il commento di chi ha avuto la possibilità di vedere dal vivo l’animale.

Così come quelle dei canali di Venezia, anche le acque del fiume Po a Torino, in queste settimane, sono apparse molto più limpide del solito. Allo stesso modo, chi ha avuto modo di ammirare il golfo di Napoli in questo periodo è rimasto affascinato da come le acque siano più cristalline che mai.

Le apparizioni straordinarie di animali in città non sono un fenomeno limitato al caso di Venezia: a Roma, per esempio, alcune anatre sono tornate a nuotare nella fontana della Barcaccia, in piazza di Spagna, in pieno centro città; a Milano, invece, sono comparsi degli esemplari di silvilaghi in un’area verde cittadina e un’aquila reale è stata avvistata nel cielo.

Anche nel resto d’Italia gli animali hanno iniziato a conquistare gli spazi lasciati deserti dagli umani, bloccati in casa per l’emergenza Coronavirus: a Sassari, in Sardegna, una famiglia di cinghiali è stata avvistata in città, tra Piazza Italia e Corso Umberto; sempre in Sardegna, ma a Pula, sono stati avvistati invece daini e cervi; nel porto di Trieste sono riapparsi i delfini; a Lucugnano, una frazione di Tricase, in Puglia, una pattuglia della Folgore si è imbattuta in due cuccioli di cervo che gironzolavano nella periferia del paese.