Coronavirus, da Cracco a Cerea: chef stellati per gli ospedali

Gli chef stellati cucinano per gli ospedali da campo allestiti in questo periodo di emergenza Coronavirus

Coronavirus, da Cracco a Cerea: chef stellati per gli ospedali

Anche gli chef stellati stanno dando il loro contributo alla lotta al Coronavirus: Carlo Cracco, ad esempio, assieme al suo staff, ha fatto visita agli operai impegnati nella realizzazione dell’ospedale da campo di Fiera Milano e ha cucinato per loro. Il menù nel cantiere dell’ospedale è stato a base di risotto e frittata con verdure.

Il gesto del popolare chef, divenuto famoso al grande pubblico per la sua partecipazione a importanti show televisivi come Masterchef ed Hell’s Kitchen, è stato molto apprezzato. Sul sito dell’ospedale in Fiera Milano si legge: “Il contributo e la partecipazione di tutti a offrire supporto operativo, ma anche quello economico – attraverso le donazioni al fondo solidale – sono indispensabili per la realizzazione di questo importante progetto per la Lombardia e il Paese”.

Carlo Cracco non è stato l’unico chef a decidere di dare il suo contributo fattivo in questo periodo di emergenza Coronavirus: anche lo chef stellato Chicco Cerea, titolare assieme alla sua famiglia del ristorante ‘Da Vittorio‘, tre stelle Michelin a Brusaporto, ha annunciato che si dedicherà alla cura della cucina dell’ospedale da campo di Bergamo, fornendo i pasti a medici e infermieri.

Questo l’annuncio pubblicato sulla pagina ‘Facebook’ ufficiale di ‘Da Vittorio’: “La Protezione Civile ha deciso di installare l’Ospedale da Campo degli Alpini nell’area dell’Ente Fiera di Bergamo. Si tratta di 230 posti letto che inizieranno a essere operativi già in settimana. Abbiamo deciso di contribuire attivamente all’organizzazione delle attività, offrendoci volontari per la preparazione pasti”.

Nel post si legge ancora: “Tuttavia, chiediamo un aiuto concreto a tutti voi. Tutti coloro che ne hanno la possibilità, dai ristoratori, ai titolari di negozi o aziende di generi alimentari o affini, è gentilmente invitato ad offrire degli approvvigionamenti. Se pensi di poter essere d’aiuto, ti invitiamo a inviare una email a cucineospedaledacampo@vicook.it L’unione fa la forza, condividiamo il più possibile!”.

La solidarietà non è arrivata, però, solo dagli chef stellati: Riccardo Tiritiello, studente 19enne iscritto all’ultimo anno dell’Istituto alberghiero Paolo Frisi, ha sfruttato i locali della rosticceria di famiglia per cucinare piatti caldi e freddi per gli ospedali Sacco, Niguarda e per la Croce Verde.